Uganda-Rd Congo, scoppia la pace delle infrastrutture

di Enrico Casale
strada uganda
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Una rete di strade collegherà Uganda e Rd Congo, segnando un riavvicinamento fisico e politico dopo anni di tensioni, sfociate anche in una guerra aperta (1997). Il governo di Kampala ha recentemente approvato i piani per costruire tre grandi vie di comunicazioni in territorio congolese, continuando la recente strategia del Paese di aumentare la sua influenza nella regione dei Grandi Laghi basandosi sulla diplomazia delle infrastrutture.

Le strade, al cui costo parteciperà anche Kinshasa, andranno da alcune delle città di confine dell’Uganda all’interno della Rd Congo: una andrà da Kasindi a Beni (80 km) e un’altra integrerà l’asse Beni-Butebo (54 km). La terza si estenderà per 89 chilometri dalla città di confine di Bunagana, attraverso Rutshuru, fino alla città strategica di Goma, la capitale della provincia del Nord Kivu.

Il generale Edward Katumba Wamala, ministro dei Lavori e dei trasporti dell’Uganda, ha dichiarato che, sebbene i dettagli restino poco chiari, il progetto è stato approvato in linea di principio. «Ciò che è stato approvato dal Consiglio dei Ministri è il concetto – ha detto -. Entrambi i governi contribuiranno al finanziamento e ciò significa che i due Paesi stanno tornando a parlarsi e a collaborare».

L’approvazione del governo ha fatto seguito al Business Forum Uganda-Rd Congo che si è tenuto nel novembre 2019 a Kampala, nel corso del quale si è tenuto un incontro bilaterale tra i presidenti Felix Tshisekedi e Yoweri Museveni.

Economicamente, la strada raddoppierà i volumi degli scambi tra i due Paesi a breve termine, secondo il generale Wamala. Nel 2018, l’Uganda ha esportato merci nella Rd Congo per un valore di 532 milioni di dollari, di cui 312 milioni di dollari in esportazioni informali. Le principali esportazioni dell’Uganda verso il Congo includono cemento, zucchero, riso, birra, farina di frumento, biscotti e prodotti di bellezza e trucco, le importazioni includono ferro, perle, combustibili minerali, legno, carbone, spezie, grassi vegetali e oli, gomma tra gli altri da il suo vicino occidentale.

Il commercio attraverso il confine è stato tuttavia ostacolato da una rete stradale inadeguata all’interno della Rd Congo, che secondo i commercianti ugandesi aumenta i costi di gestione degli affari. L‘insicurezza nella regione è stata anche un ostacolo al regolare commercio transfrontaliero tra i due Paesi. La strada dovrebbe quindi accelerare il commercio e aumentare la trasparenza nei flussi transfrontalieri di merci.

Politicamente, l’Uganda punta sulle infrastrutture per rafforzare le relazioni che si sono in qualche modo sciolte sotto l’ex presidente Joseph Kabila, ma sono rimaste gelide a causa dell’instabilità nelle regioni congolesi orientali e di un disegno di legge da 10 miliardi di dollari imposto a Kampala nel 2005 dalla Corte internazionale di giustizia.

Il riavvicinamento in corso è stato aiutato da una nuova politica regionale da parte congolese più attenta ai rapporti con i Paesi confinanti. Il presidente Felix Tshisekedi ha visitato tutti i nove Paesi vicini in un chiaro cambio di approccio rispetto al suo predecessore.

«Siamo impegnati a cambiare – ha detto di recente il presidente Tshisekedi -. Stiamo discutendo di integrazione economica, pace tra i nostri popoli e ai nostri confini».

Con la sua popolazione di 84 milioni di abitanti, la Rd Congo è già uno dei maggiori partner commerciali dell’Uganda e Kampala è desiderosa di costruire legami ancora più forti per sostituire altri mercati di esportazione regionali rimpiccioliti, incluso il Sud Sudan che rimane politicamente ed economicamente instabile. Oltre ai progetti stradali, l’Uganda sta rispolverando i piani del 2013 per costruire una linea di trasmissione elettrica ad alta tensione di 396 chilometri dalla sottostazione di Nkenda a Kasese vicino al confine, alle città di Beni, Butembo e Bunia tutte nella Rd Congo.

(Enrico Casale)

Condividi

Altre letture correlate:

X