Unione africana: «Senza vaccino rischi alti»

di Enrico Casale
test covid
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Nel caso in cui non ci fosse un vaccino, in Africa più di 800 milioni di persone sono potenzialmente a rischio contagio Covid-19 e le vittime potrebbero essere almeno 8,4 milioni. A lanciare l’allarme sui possibili devastanti effetti della pandemia sul continente, nel caso in cui si cercasse di raggiungere l’immunità collettiva, è l’agenzia di sanità pubblica dell’Unione africana, l’Africa Centres for Disease Control (Cdc), con sede ad Addis Abeba, capitale dell’Etiopia. Le proiezioni più catastrofiche indicano il coinvolgimento appunto di 800 milioni di abitanti, pari ai residenti complessivi dei 10 Paesi africani più popolosi.

«In un continente con più di 1,2 miliardi di persone, per arrivare all’immunità collettiva significa che tra 720 e 840 milioni di persone dovranno avere l’infezione. Il costo umano sarà molto alto», ha detto alla Bbc Wessam Mankoula, responsabile dello studio sull’incidenza del Covid-19 in Africa. «Se avremo un vaccino, saremo in grado di controllare le infezioni. Senza quello il nostro sistema sanitario non reggerà di fronte ad un numero enorme di casi. I nostri ospedali saranno sopraffatti», ha sottolineato l’esponente del Cdc.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, per raggiungere l’immunità collettiva tra il 60 e il 70% della popolazione deve aver contratto il virus. Finora il continente africano è una delle aree del mondo meno colpite dalla pandemia, con 1,5 milioni di casi positivi ufficialmente dichiarati e 37 mila decessi, per lo più in quattro nazioni (Sudafrica, Egitto, Marocco e Algeria).

Condividi

Altre letture correlate:

X