#IntegrAction 2019, raccontare l’integrazione al tempo dei social

di Stefania Ragusa

#IntegrAction 2019: l’integrazione in 60 secondi è un contest web promosso da ACRA e Pubblicità Progresso, con la collaborazione della piattaforma HYPE Challenge, pensato per i giovanissimi: una sorta di area protetta da cui  avvicinarsi a tematiche strettamente legate all’attualità nazionale. I partecipanti, tutti fra i 16 e i 21 anni, dovranno raccontare la loro idea di integrazione attraverso un breve video, che potrà poi essere votato in rete. Sarà possibile partecipare e far votare il proprio contenuto prodotto, fino al 29 settembre.

Il contest vuole raggiungere la fascia più giovane della popolazione attraverso il linguaggio che sembra esserle  più congeniale, quello video. Al tempo delle Stories di Instagram e Facebook, di Snapchat e TikTok/Musical.ly, ACRA e Pubblicità Progresso chiedono a ragazze e ragazzi di mettere alla prova la propria creatività su un tema attuale e importante come quello dell’integrazione e del dialogo interculturale. Un tema che li tocca sempre più da vicino, come attori protagonisti. Il destino dell’Italia multiculturale passa, infatti, attraverso le future generazioni, che già vivono l’integrazione nelle scuole, nelle amicizie, nel tempo libero.

I partecipanti potranno riprendersi mentre preparano una ricetta particolare, mentre recitano una poesia, mentre si confrontano con gli amici su cosa significhi, alla loro età, vivere in una società che promuovere il rispetto e l’integrazione.

A far da volano all’iniziativa, che rientra nel più ampio ventaglio del progetto Le nostre città invisibili – Incontri e nuove narrazioni del mondo in città,  il sostegno della youtuber napoletana Martina Villamajna, 17 anni e oltre 60 mila follower. Un suo primo video a supporto della campagna #IntegrAction2019 è stato pubblicato maggio, invitando i coetanei a riflettere sul tema.

I 3 vincitori verranno invitati alla cerimonia di premiazione a Milano l’8 ottobre 2019, in occasione dell’evento nazionale della campagna del progetto “Le nostre città Invisibili”. Racconteranno la loro idea di integrazione alla presenza di istituzioni e organizzazioni da tutta Italia che operano nel settore della cittadinanza globale. Un appuntamento che si preannuncia ricco di spunti per definire una strategia di promozione dell’integrazione e del dialogo interculturale.
In caso di impossibilità di partecipazione all’evento, i vincitori definiranno con i promotori un viaggio alternativo per una delle città della rete italiana Migrantour e parteciperanno ad una delle passeggiate interculturali. Un’ulteriore e preziosa occasione per scoprire le infinità dei mondi e culture che popolano le città italiane.

Le nostre città invisibili. Incontri e nuove narrazioni del mondo in città è un progetto guidato da ACRA e co-finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (A.I.C.S). Suo obiettivo  è favorire il dialogo interculturale e valorizzare il contributo dei cittadini di origine straniera all’interno della società italiana.

Altre letture correlate:

X