“Storie di esplorazione in Africa”, il secondo appuntamento dell’Ubuntu Festival

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Dopo il primo appuntamento dedicato al covid in Africa, Ubuntu Festival Digital Edition, Varese chiama Africa prosegue con “Storie di esplorazione in Africa” in live streaming sul canale YouTube di Ubuntu Festival il 10 aprile alle 18.30.

Protagonisti della diretta saranno gli esploratori pionieri che dalla metà dell’Ottocento hanno permesso al mondo di scoprire tesori e opere artistiche altrimenti dimenticate. Il set scelto per la diretta streaming è il Museo etnografico Castiglioni (chiuso al pubblico causa zona rossa) e proprio Marco Castiglioni, direttore del Museo, sarà il conduttore della serata dedicata alle storie di esplorazione del continente nero.

Marco Castiglioni dialogherà con Alessandro Pellegatta, autore di saggi, reportage, poesie, racconti e testi teatrali. Proprio durante l’episodio del 10 aprile, Pellegatta presenterà la sua ultima opera “Esploratori Lombardi” (Editoriale Delfino, Milano, Collana L’Onda). Nel libro Pellegatta delinea il ritratto di alcuni esploratori lombardi che, dalla prima metà dell’Ottocento fino ai giorni nostri, seppero essere cittadini del mondo e italiani affrontando l’ignoto e arricchendo la nostra cultura dei valori e delle conoscenze che solo il confronto con la diversità può dare.

Durante la serata presenti anche Alice Bitto, ricercatrice storica e curatrice della collezione “Felice De Vecchi” e dell’Archivio della Famiglia De Vecchi e Alberto Caspani, ideatore della “Casa degli Esploratori” , rete di collaborazione promossa dall’Associazione culturale Gaetano Osculati, con l’obiettivo di unire musei, archivi, organizzazioni e professionisti impegnati a valorizzare la storia dell’esplorazione italiana, per favorire l’internazionalizzazione di talenti ed eccellenze nazionali.

Ubuntu Festival alla sua prima edizione varesina è un cantiere aperto di idee e proposte e, come ricorda Ada Tattini, responsabile di produzione, “Il progetto Digital Edition – Varese chiama Africa è il nostro modo per resistere alle avversità della situazione sanitaria: abbiamo coinvolto professionisti del settore teatrale e dello spettacolo in una sinergia di talenti che ha reso possibile il successo del progetto di streaming. Il ciclo di incontri è uno spazio nel quale le associazioni partner hanno potuto dare voce al racconto dell’Africa secondo diverse angolature, ed è proprio questo l’obiettivo del festival”.

Ubuntu Festival vuole mostrare quei lati dell’Africa che sono ancora da scoprire – vicini e lontani, antichi e futuri. Mostre d’arte, proiezioni di film, eventi sportivi, talks, sfilate di moda, da marzo a giugno 2021 a Varese. Coesistenza collaborativa, impegno comunitario, unione delle forze per un obiettivo comune, sono la base dell’essere ubuntu. Ubuntu Festival è reso possibile dalla sinergia delle realtà che lo compongono. Centinaia di persone che si dedicano alla scoperta delle storie, al sostegno delle relazioni, alla promozione della cultura – da Varese alle tante Afriche. Un viaggio che apre la dimensione locale verso una riflessione globale, andata e ritorno.

Realizzato in collaborazione con le associazioni Cuamm, Apa, Yacouba, Asi, il corso di laurea Storia e Storie del Mondo Contemporaneo dell’Insubria e il Museo Castiglioni di Varese. Con il contributo di Fondazione del Varesotto e con il patrocinio di Comune di Varese e Università degli Studi dell’Insubria.

I prossimi appuntamenti sono 24 aprile e 8 maggio.

Questo il link per poter assistere alla diretta streaming: https://bit.ly/YouTubeUbuntu

Condividi

Altre letture correlate: