Musica africana, 10 giovani da tenere d’occhio

di Stefania Ragusa
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Se non li conoscete già, annotate i loro nomi: questi artisti del sound si sono distinti nell’anno appena concluso e promettono di fare cose interessanti anche nel 2021. Sono giovani, emergenti e appartengono tutti all’Africa Occidentale anglofona. Li ha selezionati la piattaforma panafricana musicinafrica.net.

Gyakie (Ghana). È nella foto d’apertura. Figlia d’arte – suo padre è Nana Acheampong – Gyakie ha si è fatta conoscere nel 2019 con la canzone d’amore “Never Like This”, sottolineata da ritmi hip hop e soul. Il suo EP di debutto, “Seed”, contiene cinque tracce e le ha assicurato una nomination ai Vodafone Ghana Music Awards (VGMAs) nella categoria emergenti.
Larusso (Ghana). Roconducibile al dancehall reggae, genere molto apprezzato nel Paese, ha collaborato con star come Samini, Stonebwoy e Shatta Wale. I gatekeeper del settore lo considerano il loro successore.
Freda Rhymz (Ghana). Interprete dell’afropop, si è fatta notare per la prima volta nel 2017, vincendo la sesta stagione del reality show musicale MTN Hitmaker. Il 2020, con l’album “Saucy”, è stato l’anno della sua consacrazione musicale. Viene ormai accostata ai colleghi più affermati, come Sista Afia ed Eno Barony.
Teflon Flexx (Ghana). È il primo musicista della regione dell’Upper East del Ghana a vincere la categoria emergenti dei Vodafone Ghana Music Awards (VGMAs). Flexx è stato molto apprezzato per i brani “Madina” ed “Eskebelebe”.
Tems (Nigeria). Temilade Openiyi, conosciuta come Tems, è una cantautrice e produttrice musicale. Suoi brani di successo sono “Mr Rebel” e “Try Me” e anche Apple Music e Spotify l’hanno indicata tra gli artisti africani emergenti da seguire. Vanta collaborazioni di alto profilo, come quelle con Wizkid e Davido.
Omah Lay (Nigeria). Nella culla dell’afrobeat e dell’afro-fusion, Omah Lay è considerato il più recente e accreditato innovatore. I suoi suoi EP 2020 “Get Layd” e “What Have We Done” hanno avuto grande successo e gli sono valsi un posto come primo artista Africa Rising di Apple Music.
Bella Shmurda (Nigeria). A soli 23 anni, autore e interprete di canzoni, si è imposto con il suo singolo di debutto “Vision 2020”. Può vantare anche lui collaborazioni di alto profilo, come quella con Davido.
Trille (Liberia). Dietro “Zombie Dance”, uno dei brani di massimo successo in Liberia, c’è lui. Ha portato a casa il premio New Artist of the Year ai recenti Liberia Music Awards 2020 ed è considerato l’ultimo principe del pop liberiano.
FOC (Sierra Leone). Rapper, ha iniziato a farsi conoscere nel 2015, ma l’anno appena concluso lo ha visto affermarsi definitivamente con tre nomination ai National Entertainment Awards (NEA) 2020-
Jizzle (Gambia). Esponente dell’Afro-pop, si è aggiudicato il premio come miglior artista emergente dell’anno ai Gambian Entertainment Awards 2014, e da lì la sua statura musicale non ha fatto che crescere. Dopo una nomination agli All Africa Music Awards 2016, si è imposto nel 2020 con l’album “Scorpion”.

Condividi

Altre letture correlate: