Etiopia: la cerimonia che lascia il segno

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Foto di Nicola Bailey

Etiopia, villaggio Hamer: sulla schiena di questa donna sono evidenti i segni della fustigazione, il rito che accompagna l’iniziazione dei giovani Hamer e che ne costituisce un appassionante prologo. Le ferite provocate dalle verghe sono profonde e lasciano cicatrici indelebili.

Nella Valle dell’Omo, il popolo Hamer difende l’usanza della fustigazione delle donne che accompagna la cerimonia del Salto dei Tori. Le autorità etiopi vorrebbero infatti vietare, o almeno ammorbidire, il rito di iniziazione dei giovani Hamer.

Per leggere l’intero reportage abbonati ad Africa rivista: www.africarivista.it/abbonati/

Altre letture correlate:

X