Il Tragulida, uno degli animali più strani al mondo

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Conosciuto come ‘topo-cervo’, il Tragulida è un animale raro e buffo che vive anche nell’Africa occidentale. Ha un corpo da ratto e zampe simili a un cerbiatto: caratteristiche da molti ritenute inquietanti, da altri tenere e interessanti. Quello che è certo è che si tratta di uno degli animali più strani al mondo.

Il termine Tragulus è di origine greca e significa ‘piccola capra’. I Tragulidi sono infatti chiamati anche ‘chevrotain’, soprattutto quando ci si riferisce alla specie africana. In generale, tutti quelli con la regione dorsale macchiata o striata sono note come ‘chevrotain’ e tutti quelli di colorazione uniforme come ‘mouse-deer’.

I Tragulidi sono una delle dieci famiglie che compongono la specie degli Artiodattili. Tutte le specie sono diffuse nelle foreste dell’Asia meridionale e sud-orientale, a eccezione di una che vive nelle foreste pluviali dell’Africa centrale e occidentale.

Vivono da soli o in coppia e amano nutrirsi di materia vegetale che vengono fermentate nel loro stomaco formato da quattro camere. Dotati di canini particolarmente lunghi che i maschi mostrano durante i combattimenti, non posseggono gli incisivi superiori. Hanno zampe corte e sottili che gli permettono di muoversi con una certa agilità nel fitto fogliame che li circonda. Comunicano tra di loro grazie ad una ghiandola che hanno sul mento.

Possono avere soltanto un cucciolo che viene svezzato verso i tre mesi. La maturità sessuale viene raggiunta tra i cinque e i dieci mesi.

Altre letture correlate:

X