Sud Sudan: atleti olimpici in Giappone per oltre un anno

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La delegazione di cinque membri dei Giochi olimpici di Tokyo del Sud Sudan è arrivata a Maebashi, nella prefettura di Gunma, a nord della capitale giapponese, nel novembre 2019, aspettandosi un soggiorno di meno di un anno per allenarsi e poi competere alle Olimpiadi. La pandemia da covid-19 ha però costretto il rinvio dei Giochi previsti nel marzo 2020 e ha messo così in dubbio il soggiorno degli atleti sudsudanesi in Giappone. Ma i fondi assicurati tramite un programma di donazione hanno assicurato la permanenza al gruppo di atleti fino alla fine dei Giochi riprogrammati per quest’estate.

La loro storia è raccontata da fonti di stampa locale che sottolineano come sia stata l’unica delegazione a trascorrere un tempo così lungo di preparazione nella nazione ospitante.

Bloomberg precisa che la città di Maebashi, che conta 334.000 abitanti, ha accolto la squadra di atletica, aiutando a raccogliere fondi per pagare il loro soggiorno. Gli atleti si sono così integrati nella comunità. “Quello che sentiamo come buono, lo prendiamo e lo insegniamo alla nostra gente a casa. E quello che sentiamo di male, lo lasciamo al cancello del villaggio olimpico quando partiamo”, ha detto il corridore di lunga distanza Abraham Guem.

Ospitare il gruppo non è stato economico per Maebashi, sottolinea Bloomberg. Inizialmente preventivato a circa 20 milioni di yen (182.000 dollari), il costo del soggiorno è cresciuto a 30 milioni (270.000 dollari) dopo che i giochi sono stati rimandati. La maggior parte del denaro è stata raccolta attraverso un programma nazionale che permette alle persone di acquistare prodotti dalle economie regionali in cambio di detrazioni fiscali. Essenzialmente una campagna di crowd-funding tramite la quale i contribuenti di tutto il Giappone hanno fatto la propria parte comprando fragole, pesche e carne di maiale di Maebashi, così come il cibo tipico della regione: torte di riso arrosto ripiene di pasta di fagioli rossi.

“Li apprezzo molto per il loro sostegno e l’amore e la gentilezza che ci hanno dato da quando siamo venuti in Giappone. Dio li benedica”, ha detto della popolazione locale la velocista Lucia Moris all’inizio di quest’anno.

Una permanenza che gli atleti hanno apprezzato per la solidarietà dimostrata dalla comunità e per la possibilità di allenarsi su una pista vera e propria cinque giorni alla settimana, potendo contare su tre pasti al giorno. “Prima di venire qui, la vita era molto dura. La distanza da casa mia al campo di allenamento a Juba era di circa 17 chilometri ed era sempre difficile camminare. A volte avevo un pasto una volta al giorno o due”, ha detto Guem.

Il team di atleti ha scandito le proprie giornate seguendo lezioni di giapponese e di computer al mattino, seguite da un allenamento su pista nel pomeriggio. I funzionari di Maebashi hanno anche tenuto gli atleti occupati con lezioni di calligrafia e di musica con strumenti tradizionali giapponesi come il koto.

“Interagire con gli atleti ha dato ai nostri cittadini l’opportunità di riflettere davvero sulla pace”, ha detto in un’intervista citata da Bloomberg Shinichi Hagiwara, capo delle attività sportive a Maebashi che supervisiona il programma sud sudanese.

Il Sud Sudan, che divenne indipendente nel 2011 dal Sudan, ha vissuto una guerra civile dal 2013 al 2018. 

(Valentina Giulia Milani)

Condividi

Altre letture correlate: