Zimbabwe – Professore gay costretto alle dimissioni (e a un processo)

di Enrico Casale
gay
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Un insegnante di una delle migliori scuole per ragazzi dello Zimbabwe si è dimesso dopo aver ricevuto minacce di morte e pressioni da parte dei genitori. La sua colpa? Aver fatto coming out ed essersi dichiarato omosessuale.

In Zimbabwe, gli atti omosessuali sono illegali, come in gran parte dell’Africa. Gli omosessuali e le lesbiche sono perseguiti ed emarginati.  Neal Hovelmeier, che insegnava al St John’s College, ha scritto in una lettera di dimissioni. In essa affermava: «Mi sono reso conto che la mia posizione attuale è ora insostenibile per questo lascio e mi sottometterò a un processo fasullo».

L’insegnante, che ha lavorato nella scuola d’élite per 15 anni, è stato definito «pericoloso»  per questo ha deciso di lasciare la capitale Harare e rifugiarsi in campagna.

Altre letture correlate:

X