Taban, medico rifugiato che ha attraversato l’Africa e ora cura il covid

di Stefania Ragusa
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Emmanuel Malish Taban, ex rifugiato della guerra civile del Sudan sopravvissuto alla tortura e diventato medico, è considerato un eroe in Sudafrica per aver salvato le vite di molti pazienti di Covid-19. Per il suo prezioso lavoro, il medico è entrato nella lista dei 100 africani più influenti del 2020 stilata dalla rivista New African. “La straordinaria storia di Taban e il suo forte spirito sono diventati una fonte di grande ispirazione per milioni di giovani africani che si trovano in situazioni spesso senza speranza”, hanno spiegato i redattori di New African. Taban utilizza con successo una procedura nota come broncoscopia flessibile a fibre ottiche su pazienti covid-19. Taban, un pneumologo, utilizza la tecnica per aspirare il muco che si è raccolto nelle vie aeree dei pazienti, consentendo loro di respirare. “La maggior parte dei miei pazienti, oltre il 90%, è sopravvissuta – ha detto Taban alla stampa internazionale -. È una procedura che non viene utilizzata da molto tempo. Penso che a causa della paura dell’infezione molti medici hanno rinunciato a fare broncoscopie”.

Taban, 43 anni, è cresciuto in quella che allora era la parte meridionale del Sudan (ora Sud Sudan) per due decenni investita dalla guerra civile contro il governo di Khartoum. Nel 1994, all’età di 17 anni, è stato arrestato e torturato da agenti dell’intelligence militare che lo hanno accusato di essere un simpatizzante dei ribelli. Dopo essere stato rilasciato, è fuggito in Eritrea e ha chiesto asilo. È stato arrestato per ingresso illegale ma presto rilasciato. Taban è stato aiutato da alcune associazioni di beneficenza cattoliche e sudsudanesi che vivono ad Asmara che gli hanno permesso di entrare in Etiopia. Da lì ha viaggiato verso Sud in autobus e a piedi attraverso Kenya, Tanzania e Mozambico per raggiungere il Sudafrica. Nel 1995, due missionari sudsudanesi che lavorano in Sudafrica hanno contribuito a pagare i suoi studi secondari e universitari presso la Medical University of Southern Africa, l’Università di Pretoria e l’Università di Witwatersrand. Ha anche studiato pneumologia in Europa e ha conseguito un diploma in ecografia endobronchiale e stadiazione del cancro del polmone presso l’Università di Amsterdam.

“Nel Sud Sudan abbiamo le capacità per competere con il resto del mondo – ha detto -. Dobbiamo assicurarci che i bambini del Sud Sudan ascoltino la mia storia, che è quella di un bambino che era senza casa, che mendicava cibo per strada e ha fatto qualcosa di grande nel mondo”. Ha detto che vorrebbe costruire scuole in tutto il Sud Sudan per aiutare i bambini a ottenere una buona istruzione. “Penso che salvare vite umane sia tutto ciò che conta per me – ha concluso -. Non mi piace perdere i miei pazienti, non credo che le persone muoiano perché è il loro momento. Le persone muoiono per negligenza e noi non facciamo abbastanza per salvare quelle vite”.

Condividi

Altre letture correlate: