L’Africa nel pallone, in Camerun è iniziato il Chan 2020

di Stefania Ragusa
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il 17 gennaio ha preso ufficialmente il via l’African Nations Championship, nota anche come Total African Nations Championship o come Chan 2020. Si tratta della sesta edizione dell’African Nations Championship, un torneo biennale di calcio organizzato dalla Confederation of African Football (Caf). L’elemento che rende questa competizione sportiva particolare – e che la differenzia anche nello spirito dalla Coppa d’Africa – è che delle nazionali concorrenti debbano far parte solo calciatori che effettivamente giocano nel proprio Paese. Ad esempio, un giocatore camerunese può essere convocato nella squadra nazionale del Camerun solo se gioca per un club camerunese. Il torneo ha avuto una genesi abbastanza tribolata. Si sarebbe dovuto giocare dal 4 al 25 aprile 2020, ma il 17 marzo 2020 la Caf ha annunciato che tutto era posticipato a una data successiva a causa della pandemia covid-19, che proprio in quei giorni si stava diffondendo in tutto il mondo. Il 30 giugno, sono state rese note le nuove date: dal 16 gennaio al 7 febbraio 2021.

Inizialmente era stato scelto il Camerun come Paese ospitante. L’instabilità interna, dovuta alla rivolta delle province anglofone (che tuttora persiste), avevano poi convinto gli organizzatori a spostare l’evento in Etiopia. La federazione calcistica etiope ha però ammesso di non essere pronta a ospitare la competizione e quindi i diritti di hosting sono stati assegnati nuovamente al Camerun.

Oltre alle difficoltà organizzative, la competizione deve fare i conti con la pandemia di covid-19. In base alle norme sanitarie delineate dalla Fifa (la federazione calcistica mondiale), solo il 25% degli spettatori sarà ammesso nei diversi stadi durante la prima fase della competizione, cioè le partite a gironi. Questa percentuale potrebbe salire al 50% nelle fasi ad eliminazione diretta della competizione. Anche i giocatori e le squadre devono fare i conti con il coronavirus che potrebbe condizionare le partite eliminando anche i giocatori più dotati tecnicamente.

Il Marocco è il campione in carica ed è il favorito per il successo finale. Tra i favoriti c’è anche il Camerun che, oltre a giocare in casa, vanta una tradizione calcistica di tutto rispetto. Ma le sorprese, come sempre nel calcio, sono dietro l’angolo.

Condividi

Altre letture correlate: