Sudan, El-Geneina città fantasma

di Enrico Casale
darfur
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

“Guidare attraverso il quartiere Hay El Jebel di El-Geneina è come guidare in una città fantasma”, così ha scritto in un comunicato l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha) sottolineando che la maggior parte dei residenti della città se ne sono andati e molte case e rakubas (capanne tradizionali) sono state incendiate dopo che la violenza ha travolto la capitale del Darfur occidentale due volte quest’anno.

Come ricorda la nota, è passato circa un mese da quando un’ondata di violenza intercomunitaria ha inghiottito parti di El Geneina, compresa Hay Al Jabal, con scontri a fuoco nelle strade e case incendiate e saccheggiate. “Quando i combattimenti sono iniziati vicino alla nostra casa, siamo fuggiti tutti verso il campo di Abuzar, con i nostri bambini, e solo i nostri vestiti addosso e alcune piccole cose. Siamo scappati per salvarci la vita perché c’era una forte sparatoria”, ha detto a Ocha Sarah (nome di fantasia per proteggerne l’identità), una 25enne residente nel quartiere di Hay Al Jabal. “Abbiamo perso tutto, tutto è stato bruciato, i sacchi di miglio e di altro cibo che avevamo, anche i nostri utensili da cucina sono stati presi o bruciati”, ha spiegato. Come riferisce Ocha, Sarah e la sua famiglia sono arrivati nella zona nel 2003, quando è iniziato il conflitto in Darfur. Erano sfollati da una zona fuori El Geneina. Dopo 18 anni, ora sono di nuovo sfollati. Lei, i suoi sette figli e i suoi genitori si sono rifugiati nel vicino campo di Abuzar.

Anche le parti del quartiere dove vivono persone di origine araba sono state colpite dai combattimenti. “Un razzo è atterrato proprio vicino a casa nostra e i proiettili ci volavano tutt’ intorno, mentre noi cercavamo di tenere i bambini e le donne più all’interno della casa”, ha detto – riferisce Ocha – Muntasir (non di fantasia), padre di cinque figli. La sua famiglia allargata è rimasta a casa e le scuole sono chiuse o occupate da persone sfollate dal conflitto. Il figlio maggiore di Muntasir non può andare a lavorare perché le zone in cui deve andare potrebbero non essere sicure per lui.

Ocha sottolinea anche che tutte le zone di Hay Al Jabal sono senza acqua ed elettricità. Durante le violenze di inizio aprile, le pompe dell’acqua e i generatori che alimentano i sistemi elettrici e idrici sono stati danneggiati, e le persone che li azionavano sono fuggite. “Siamo tornati solo per cercare di salvare il possibile, ma come vedete non è rimasto nulla, solo cenere”, ha detto Sarah. “Come possiamo vivere qui, senza acqua e senza un tetto sopra la testa? “.

Muntasir ha fatto eco ai sentimenti di Sarah secondo quanto riportato dal comunicato. “Non abbiamo acqua corrente da quasi un mese. Compriamo un barile e mezzo d’acqua per 3.000 SDG (circa 7,7 dollari), che dura solo un giorno, visto che siamo più di 10 persone in casa.”

Mentre la situazione della sicurezza rimane tesa e imprevedibile ad El Geneina, le organizzazioni umanitarie hanno aumentato la risposta per soddisfare i bisogni delle persone colpite. Circa 124.400 persone hanno ricevuto assistenza alimentare, oltre 51.000 possono accedere ai servizi sanitari e circa 30.000 persone hanno accesso all’acqua potabile secondo i dati forniti da Ocha.

Condividi

Altre letture correlate: