Sudafrica – Ramaphosa restituirà donazione fatta «a sua insaputa»

di Enrico Casale
Cyril Ramaphosa
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa restituirà una donazione di 35mila dollari fatta da un’impresa accusata di corruzione. Il donatore, la ditta Bosasa, ha vinto lucrosi contratti governativi, ma è sotto inchiesta. Bosaso avrebbe pagato per la consulenza prestata all’azienda dal figlio di Ramaphosa, Andile, e non, come aveva detto lo staff presidenziale, per una donazione.

La polemica è un brutto colpo per un presidente che ha promesso di combattere la corruzione. «La donazione è stata fatta a mia insaputa – ha scritto Ramaphosa -. Non ero a conoscenza dell’esistenza della donazione». Sabato, riferisce l’agenzia di stampa Afp, il portavoce dell’Anc Zizi Kodwa ha dichiarato ai media statali che il presidente «ha deciso volontariamente di rimborsare l’importo».

Altre letture correlate:

X