Sudafrica – Ramaphosa nuovo presidente. Oggi il suo primo discorso

di Enrico Casale
Cyril Ramaphosa

Il presidente eletto del Sudafrica, Cyril Ramaphosa, ha giurato come nuovo capo dello stato, dopo le dimissioni del suo predecessore Jacob Zuma, arrivate nella tarda serata di mercoledì. Ramaphosa terrà oggi il suo primo discorso sullo stato della nazione. Il parlamento sudafricano ha eletto oggi il leader del Congresso nazionale africano (Anc), Cyril Ramaphosa, nuovo presidente del Sudafrica. La sua è stata l’unica candidatura presentata dal parlamento. Parlando subito dopo la sua elezione il nuovo presidente eletto ha dichiarato che la lotta alla corruzione sarà tra i temi in cima alla sua agenda politica. Rispondendo alle affermazioni del partito di opposizione Partito Inkatha per la libertà (Ifp), che ha chiesto di rimuovere dal loro incarico i ministri accusati di corruzione Ramaphosa ha detto che “la corruzione sarà nel nostro radar”. Il leader del Congresso nazionale africano (Anc) si è quindi impegnato a lavorare con tutti i partiti. “Cercherò di lavorare con tutte le formazioni, cominciando con una riunione dei leader dei partiti politici”, ha detto il neoeletto presidente.
Le dimissioni di Zuma, arrivate nella tarda serata di mercoledì, sono state accolte con favore dall’Anc, che martedì lo aveva sfiduciato formalmente concedendogli un ultimatum di 24 ore per dimettersi. Nel pomeriggio di ieri Zuma aveva rilasciato un’intervista all’emittente statale “Sabc” nel corso della quale aveva affermato la sua intenzione di non volersi dimettere, esprimendo la volontà di lavorare insieme al leader dell’Anc e suo successore designato alla guida del paese, Cyril Ramaphosa, per garantire un trasferimento dei poteri “indolore”. Di fronte all’irremovibilità del capo dello Stato, i vertici dell’Anc avevano deciso di votare a favore della mozione di sfiducia presentata da tempo dal partito di opposizione Combattenti per la libertà economica (Eff), qualora Zuma non avesse presentato le sue dimissioni entro la giornata di ieri. La posizione di Zuma, al potere dal 2009, ha iniziato a indebolirsi sempre di più dopo l’elezione del suo vice Cyril Ramaphosa alla presidenza del partito, nel dicembre scorso.
(16/02/2018 Fonte: Agenzia Nova)

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X