Ruanda | Malaria, plasmodio resistente alle cure

di Enrico Casale
malaria tende
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Medici del Ruanda hanno identificato un plasmodio che causa la malaria resistente ai farmaci. Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature, ha scoperto che questi parassiti sono in grado di resistere al trattamento con l’artemisinina, un farmaco finora molto efficace nella lotta contro la malattia.

È la prima volta che scienziati osservano la resistenza all’artemisinina in Africa. Se questa resistenza dovesse essere accertata e dovesse diffondersi, «costituirebbe una grave minaccia per la salute pubblica nel continente».

Gli scienziati dell’Institut Pasteur, in collaborazione con il National Malaria Control Program in Ruanda (Ruanda Biomedical Center), l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il Cochin Hospital e la Columbia University (New York, Usa) hanno analizzato campioni di sangue di pazienti in Ruanda. Hanno trovato una particolare mutazione del parassita, resistente all’artemisinina, in 19 su 257 (7,4%) pazienti in uno dei centri sanitari che hanno monitorato.

Altre letture correlate:

X