RD Congo: fermento politico

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Simpatizzanti di Martin Fayulu, candidato alle elezioni presidenziali del novembre 2018, uscito sconfitto dalle urne in una tornata elettorale contestata per brogli da molti osservatori. – Foto di John Wessel

Prima del colonialismo e degli stati moderni, gli africani amministravano il potere con sistemi endogeni. Più o meno efficaci, equanimi o autoritari. Gli europei hanno imposto una “democrazia” fatta di libere elezioni, partiti, parlamenti. Le cose sono andate diversamente dai piani.

L’intero servizio sulle democrazie africane sull’ultimo numero di Africa.

Condividi

Altre letture correlate: