Msf: «Morbillo sta facendo più vittime dell’ebola in Rd Congo»

di Marco Simoncelli
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Non c’è solo il virus ebola a minacciare la vita di milioni di congolesi. L’epidemia di morbillo in corso da gennaio in Repubblica democratica del Congo ha già causato oltre 2700 morti, secondo l’allarme diramato venerdì da Medici senza frontiere (Msf) che chiede una«massiccia mobilitazione di fondi e risorse».

Secondo i dati di Msf, il morbillo ha causato più vittime in sette mesi di quante ne ha provocate la gravissima epidemia di virus ebola nell’Est del Paese che sta divampando da più di un anno.

«L’epidemia di morbillo dichiarata il 10 giugno è la più mortale che la Rd Congo abbia conosciuto dal biennio 2011-2012», scrive l’organizzazione, aggiungendo che «tra gennaio e l’inizio di agosto 2019 ha infettato oltre 145.000 persone».

«Nonostante l’entità e l’espansione del focolaio di morbillo, c’è una preoccupante mancanza di attori e fondi», ha aggiunto l’organizzazione medica umanitaria. «Con 2,5 milioni di dollari stanziati sui 8,9 necessari al piano di risposta, il contrasto con l’emergenza ebola, che attira invece centinaia di milioni di dollari, è sorprendente».

Un’osservazione su cui Karel Janssens, capo missione di Msf nella Repubblica democratica del Congo, ha insistito sabato, come riporta France 24: «Mentre una risposta rapida e adatta è cruciale per contenere l’impatto del morbillo sulla popolazione, sul campo c’è l’assenza di attori e quindi una flagrante mancanza di assistenza necessaria». Msf ha avvertito: «A meno che non ci sia una massiccia mobilitazione di fondi e mezzi, la crisi del morbillo nella Rd Congo potrebbe peggiorare ulteriormente».

L’epidemia di morbillo è stata segnalata in 23 delle 26 province del Paese, hanno detto le autorità sanitarie congolesi a giugno. Dall’inizio dell’anno, Msf ha dichiarato di aver vaccinato 474.863 bambini (il morbillo raggiunge principalmente i bambini dai 5 ai 6 mesi e i giovani adulti) e attualmente sta curando 27.439 pazienti.

Già a metà luglio, l’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che l’epidemia di morbillo stava uccidendo quasi quanto le altre due epidemie messe insieme: ebola e colera.

Altre letture correlate:

X