Mia e il leone bianco

di Matteo Merletto
Mia-e-il-Leone-Bianco

Arriva il 17 Gennaio nelle sale italiane Mia e il leone bianco, un film per famiglie, una favola ecologica che  vanta l’uso di un leone reale nelle scene che prevedono la sua interazione con gli attori. Nessun effetto digitale, nessun modello 3D fotorealistico animato quindi per raccontare la storia dell’amicizia tra Mia, una bambina insofferente e ribelle, costretta a trasferirsi dall’Inghilterra al Sudafrica per seguire il lavoro del padre John, e Charlie, un raro esemplare di leone bianco. Come da copione, quando Mia scopre che Charlie sarà venduto a dei cacciatori decide di salvarlo, portandolo in una riserva….

Il film è stato girato in tre anni, durante i quali Daniah, la giovane attrice che interpreta Mia, ha imparato a conoscere Charlie, con la guida dello zoologo sudafricano Kevin Richardson che ha supervisionato l’intero processo di produzione e tutte le interazioni tra i leoni e i bambini, assicurandosi che entrambe le parti fossero trattate con rispetto e in totale sicurezza. Noto come l’uomo che sussurrava ai leoni, Richardson ha creato la Kevin Richardson Wildlife Sanctuary con lo scopo  di proteggere alcune specie da un metodo di caccia spregiudicato, ma purtroppo ancora legale in Sudafrica.

Pare infatti che in Sudafrica ci siano più di 160 fattorie che allevano leoni come trofei di caccia,un business che ogni anno porta 36milioni di dollari all’anno e uccide circa 800 leoni in cattività

Al di là delle buone intenzioni però, il film,  propone  il Sudafrica come mero scenario mozzafiato popolato da animali selvaggi e una storia banale dove i i personaggi principali sono interpretati da attori bianchi mentre gli  attori neri sono relegati a ruoli subalterni.

(Simona Cella)

Altre letture correlate:

X