Kenya, la strage silenziosa dei baobab e la rivolta di un villaggio

di Marco Trovato
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Sulla costa del Kenya, nei pressi di Malindi, numerosi baobab sono stati abbattuti negli ultimi anni per fare spazio a edifici e speculazioni edilizie. Una strage silenziosa che colpisce questi possenti giganti della natura, monumenti secolari ricchi di fascino e avvolti dalle leggende, considerati “sacri” dalla popolazione locale che venera i loro tronchi e le loro chiome in cui trovano rifugio – si ritiene – gli spiriti degli antenati.

Dopo l’ennesimo affronto contro un baobab secolare, la comunità di un villaggio si è ribellata ed ha fermato (per il momento) l’abbattimento considerato “sacrilego”. La querelle è stata documentata da Freddie Del Curatolo, un connazionale che da molti anni si è trasferito in Kenya, amico e collaboratore della Rivista Africa, fondatore e direttore di MalindiKenia.net, il quale si è anche proposto come mediatore per evitare il taglio del babobab. Chi vuole aiutarlo può scrivere a info@malindikenya.net

Condividi

Altre letture correlate:

X