Etiopia | Scontri dopo la morte del musicista oromo

di Enrico Casale
oromo
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Almeno dieci persone sono morte e oltre ottanta sono rimaste ferite nelle proteste che sono scoppiate dopo la morte di Haacaaluu Hundeessaa, un popolare cantante etiope di etnia oromo.

I disordini mettono in luce divisioni crescenti nell’etnia oromo. Se in passato il premier Abiy Ahmed, anch’egli oromo, poteva contare sul sostegno dell’intero gruppo, ora una parte di esso si è schierata contro il governo. Abiy ha definito l’uccisione del musicista Haacaaluu Hundeessaa «un atto malvagio» . «Questo è un atto commesso e ispirato da nemici nazionali e stranieri al fine di destabilizzare la nostra pace e impedirci di raggiungere le cose che abbiamo iniziato», ha detto.

Haacaaluu è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco intorno alle 21,30 di lunedì, hanno dichiarato i responsabili delle forze dell’ordine. Alcuni sospetti sono stati arrestati, ha detto il commissario di Addis Abeba, Getu Argawhe ai media statali, senza fornire ulteriori dettagli. L’omicidio è sembrato ben pianificato, ha detto la polizia.

Gli incidenti sono scoppiati ieri mattina. Ci sono state tre focolai di proteste in città, ha dichiarato il commissario della polizia federale Endeshaw Tasew.

Altre letture correlate:

X