Camerun – Regioni anglofone, ospedali nell’obiettivo

di Enrico Casale
militari camerunesi

In Camerun almeno quattro persone sono state bruciate vive intrappolate all’interno di un ospedale nel sud-ovest del Paese. L’incendio sarebbe di natura dolosa.

L’ospedale, nella città di Kumba, è al servizio di una vasta area e di migliaia di persone perché diverse altre strutture sanitarie nello stesso distretto sono state chiuse a causa della ribellione separatista.

Non è ancora noto chi fosse dietro l’attacco a questo. Il governo ha accusato i separatisti anglofoni degli attacchi agli ospedali ospedalieri. Ma secondo fonti interne che vogliono rimanere anonime, i responsabili potrebbero essere anche i soldati di Youndè che hanno preso di mira gli ospedali nella convinzione che i combattenti separatisti siano curati lì.

La ribellione è iniziata dopo le proteste che chiedevano un trattamento migliore della minoranza anglofona. Le autorità centrali hanno reagito violentemente a partire dal 2016.

Altre letture correlate:

X