Aids, allarme per lo stop delle cure in Africa

di Marco Trovato
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Più di mezzo milione di persone nell’Africa sub-sahariana potrebbero morire tra oggi e il prossimo anno a causa di malattie legate all’Aids, mentre il mondo affronta la pandemia di COVID-19, a meno che i governi non si muovano per affrontare il problema. Un’analisi condotta dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e UNAids mostra che l’impatto di un’interruzione di sei mesi della terapia antiretrovirale potrebbe effettivamente riportare l’orologio relativo ai decessi correlati all’Aids al 2008, quando sono stati osservati più di 950mila decessi nella regione.

“La terribile prospettiva che mezzo milione di persone in Africa muoia di malattie legate all’Aids è come tornare indietro nella storia”, afferma Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. Il direttore esecutivo di UNAids Winnie Byanyima ha avvertito che le cure potrebbero essere interrotte, con i servizi per l’HIV chiusi o incapaci di fornire terapia antiretrovirale a causa della interruzione della catena di approvvigionamento. “Potrebbe anche essere perché i servizi vengono semplicemente sopraffatti a causa di esigenze concorrenti per supportare la risposta al COVID-19. Esiste il rischio che i guadagni faticosamente ottenuti dalla risposta all’Aids vengano sacrificati nella lotta contro il COVID-19, ma il diritto alla salute significa che nessuna malattia dovrebbe essere combattuta a spese di un’altra”, ha affermato Byanyima .

Il direttore generale dell’OMS ha affermato che i Paesi devono garantire che le persone con diagnosi di HIV aderiscano alle cure e che i servizi di test non vengano interrotti. Alcuni Paesi stanno già adottando misure importanti, ad esempio garantendo che le persone possano raccogliere kit per la cura di massa e altri prodotti essenziali, compresi i kit di auto-test, dai punti di consegna, alleviando la pressione sui servizi sanitari e sulla forza lavoro sanitaria. “Sarà importante che i Paesi stabiliscano le priorità nel sostenere le catene di approvvigionamento e garantire che le persone già in cura possano rimanere in cura”, ha aggiunto Tedros.

Altre letture correlate:

X