Zimbabwe – «Almeno 10 morti nelle proteste»

di Enrico Casale
zimbabwe
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Le organizzazioni per i diritti umani, tra cui Human Rights Watch, denunciano l’uso eccessivo della forza per reprimere le proteste in corso in Zimbabwe contro il carovita. Lunedì, le proteste rabbiose sono state violentemente represse dalla polizia nelle due maggiori città del Paese, Harare (la capitale) e Bulawayo. Impossibile stabilire un bilancio preciso per il momento. Le autorità hanno presentato un rapporto che parla di 68 feriti da arma da fuoco. Ma secondo l’Associazione dei medici per i diritti umani dello Zimbabwe, ci sarebbero almeno 10 morti e diverse centinaia di feriti. Soprattutto nei quartieri popolari della capitale, Harare, Epworth, Chitungwiza e Kadoma, dove la polizia ha usato armi da fuoco per disperdere i manifestanti.

Una violenza senza precedenti testimonia un medico: «Penso che il livello di violenza che abbiamo visto negli ultimi giorni non abbia precedenti. Le persone sono state uccise. In alcuni quartieri, la polizia ha fatto irruzione e picchiato persone a caso. Le ferite più gravi che abbiamo dovuto trattare sono state ferite da arma da fuoco inflitte dalle forze di sicurezza».

Alcune delle vittime erano manifestanti, altri semplici passanti colpiti da proiettili vaganti. In passato, si è assistito alla brutalità delle forze di sicurezza, ma non erano mai state utilizzate munizioni vere.

Le autorità parlano anche di 600 arresti. Tra questi, uno dei principali oppositori, il pastore Mawarire che sarà processato per «sovversione».

Sul posto, le comunicazioni sono parzialmente interrotte. Poche informazioni sono disponibili e la diaspora non può dire cosa sta realmente accadendo. Davanti al consolato dello Zimbabwe a Johannesburg, decine di oppositori hanno manifestato giovedì 17 gennaio. Molti hanno paura per la loro famiglia: «Lo Zimbabwe è come una prigione. Non c’è cibo, i negozi sono chiusi. La gente ha paura di uscire e rimane chiusa in casa».

«Dopo Mugabe, nulla è cambiato», era scritto su un cartello dei manifestanti a Johannesburg. Questo è anche quanto afferma Lucky, un farmacista zimbabweano: «Ciò che è sbagliato nello Zimbabwe è avere Mnangagwa come presidente. È la cosa peggiore che ci potesse accadere».

L’Unione europea e gli Stati Uniti hanno chiesto alle autorità di Harare di fermare l’uso eccessivo della forza.

Altre letture correlate:

X