Zanzibar: guaritore tradizionale

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Un guaritore somministra una terapia a base di erbe, radici e Corano. – Foto di Bruno Zanzottera

A Zanzibar la religione islamica si è intrecciata con le culture bantu e swahili, al punto che è possibile trovare waganga (guaritori tradizionali) simili a imam.

Tentare di definire l’identità di Zanzibar è come cercare di assemblare una moltitudine di pezzi di un puzzle. L’arcipelago bagnato dall’Oceano Indiano è l’erede di una storia intensa, fatta di intrecci culturali e commerciali, di dominazioni e rivolte, splendori e drammi raccapriccianti. Oggi l’isola tenta di riconciliare le sue diverse anime.

L’intero servizio sull’ultimo numero di Africa Rivista.

Condividi

Altre letture correlate: