Sudan, la polizia carica i manifestanti

di Enrico Casale
Sudan
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

A Khartoum, in Sudan, la polizia ha attaccato i manifestanti che da settimane stazionano davanti alla sede delle forze armate. Un testimone oculare ha parlato di una situazione caotica a seguito di quello che ha definito come un attacco improvviso da parte delle forze di sicurezza (che utilizzavano munizioni vere) contro manifestanti disarmati .

Il testimone ha detto che pneumatici e barricate sono state bruciate dai manifestanti per respingere le forze di sicurezza. Secondo un primo (e provvisorio)  bilancio almeno una persona è stata uccisa e diverse sono rimaste ferite.

Il manifestante sudanese Fabia Khalaf ha dichiarato al programma Newsday della Bbc di essere uscito per le strade della capitale rispondendo all’appello dell’Associazione dei professionisti sudanesi (Spa) ha indetto uno sciopero civile. Ha detto che in risposta alle violenze di questa mattina, la Spa ha chiesto alla gente di bloccare i ponti sul Nilo e le strade della città.

Khalaf ha raccontato di aver visto persone ferire. «Continueremo le nostre manifestazioni fino a quando il consiglio militare non cadrà – ha detto -. Devo protestare per il bene delle persone che hanno sacrificato le loro vite».

La Spa è stata una delle principali organizzatori delle proteste anti-governative iniziate lo scorso dicembre.

Altre letture correlate:

X