Somalia: soldati in Tigray, l’opposizione attacca il presidente Farmaajo

di Valentina Milani
soldati somali
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

L’opposizione somala si è scagliata contro il presidente Mohamed Abdullahi Farmaajo accusandolo di aver autorizzato l’impiego di soldati nella guerra in Tigray a fianco delle truppe eritree ed etiopi. La polemica è stata innescata da un rapporto delle Nazioni Unite sulla violazione dei diritti umani da parte delle truppe eritree nel quale si conferma la presenza di reparti di Mogadiscio nella regione settentrionale dell’Etiopia.

Nel rapporto delle Nazioni Unite si parla della presenza di soldati somali in Tigray, ma non si specifica quanti fossero. Il rapporto dice che sono stati trasferiti dai campi militari in Eritrea e inviati nel Tigray. Inoltre, osserva che le truppe erano presenti durante una strage attuata ad Axum che ha provocato centinaia di morti, per lo più bambini e donne innocenti. Oltre ad Axum, la presenza di soldati somali è stata segnalata a Macallè, la capitale amministrativa regionale della regione del Tigray.

“Il processo di reclutamento è stato ambiguo e alcuni giovani sono stati portati in Tigray con la promessa di essere inviati in Qatar per lavorare – ha detto l’oppositore Abshir Ahmed -. Il silenzio delle agenzie governative mostra che i giovani sono stati reclutati illegalmente e portati in Eritrea”.

Abdirahman Abdishakur Warsame, leader del partito Wadajir, ha definito il dispiegamento “illegale”. Il leader dell’opposizione ha esortato il primo ministro Mohamed Hussein Roble a incontrare i genitori dei giovani soldati e a fornire loro spiegazioni adeguate. Abdishakur ha anche chiesto a Farmaajo di riconoscere che le truppe inviate in Tigray sono state coinvolte in atti atroci.

Il governo ha negato con insistenza le affermazioni nonostante le prove fornite più volte dalle Nazioni Unite. In un’inchiesta condotta da Garowe Online, il sito ha raccolto un certo numero di testimonianze sul processo di reclutamento e molti militari hanno accusato Farmaajo di “aver stretto accordi clandestini” a spese dei giovani poveri.

Nell’inchiesta di Garowe online, due ex agenti della National Intelligence Security Agency (l’agenzia di intelligence) hanno accusato Farmaajo e l’attuale capo della Nisa, Fahad Yasin, di essere gli artefici della missione in Tigray che è stata svolta in segreto.

“L’opinione pubblica deve parlare e fare pressione sul presidente uscente Mohamed Abdullahi Farmaajo e sul capo della Nisa, Fahad Yasin, per chiarire dove si trovano i soldati scomparsi. È una questione nazionale”, ha affermato Abdullahi Ali, ex direttore della Nisa.

Abshir Ahmed, un altro oppositore del presidente Mohamed Abdullahi Farmaajo, ha sostenuto che parteciperà alle manifestazioni di solidarietà con i genitori. Ha esortato altri politici a farlo per “salvare” centinaia di giovani attualmente in Eritrea (ufficialmente per addestrarsi).

Poche settimane fa i genitori hanno manifestato in gran numero per chiedere risposte al governo, ma sono stati dispersi dagli agenti di sicurezza. “Chiedo che questo caso sia portato alla Corte penale internazionale in modo che un problema del genere non si ripeta. Chiunque sia coinvolto nel reclutamento dei nostri giovani e nell’impegno nella guerra del Tigray dovrebbe essere risponderne davanti a magistrati internazionali”, ha osservato Mursal Khalif, il ministro della Pianicazione del Jubaland.

Condividi

Altre letture correlate: