Rwanda | Il bambù si trasforma per la casa

di Celine Camoin
bambù
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Spazzolini da denti, mobili, materiali di costruzione o ancora, carta igienica: tutto potrebbe presto provenire piante di bambù, cresciute in Rwanda e trasformate localmente.

Il progetto è promosso dalla Rwanda water and forestry authority (Rwfa) e fa seguito a un accordo concluso con un ente cinese, il China Bamboo Aid Project.

L’obiettivo pensato dalla Rwfa è doppio: da una parte, lottare contro la deforestazione importando piante di bambù ; dall’altra, usare la pianta al posto del classico legno per usi svariati. Il bambù trova molti sbocchi nell’eco-architettura, per complementi di arredo, per il packaging commerciale, o ancora per l’energia da biomasse. Attualmente sono presenti in Rwanda alcune varietà di bambù da usare in cucina.

Gli attori della filiera del bambù sottolineano caratteristiche ambientali e biologiche “tali da generare solo positività per l’ambiente circostante e per il terreno”.

Secondo l’Authority ruandese, sono in corso trattative con alcuni investitori per finanziare la realizzazione di un’unità di produzione di prodotti e materiali di bambù. È già pronto uno studio di fattibilità che prevede la nascita della fabbrica nell’Est del Paese, nel 2021. Entro la fine di quest’anno fiscale, saranno stati piantati 300 ettari di bambù.

 

Altre letture correlate:

X