Rd Congo – Unione africana: «No alle violenze»

di Enrico Casale
Unione Africana dimezzata

L’Unione Africana ha invitato gli attori coinvolti nel processo elettorale nella Rd Congo a risolvere la disputa sui risultati delle elezioni presidenziali «in modo pacifico».

In una dichiarazione diffusa dal suo ufficio, il presidente della Commissione dell’Ua, Moussa Faki Mahamat, ha affermato che «è importante che qualsiasi disaccordo sui risultati proclamati, in particolare sul fatto che essi non riflettano il volere degli elettori, sia risolto pacificamente, in osservanza delle leggi e attraverso il dialogo politico tra le parti coinvolte».

Secondo i risultati provvisori diffusi la notte scorsa dalla Commissione elettorale, il candidato dell’opposizione Felix Tshisekedi ha vinto le elezioni presidenziali del 30 dicembre scorso con il 38,57% dei voti contro il 34,83% conquistato da Fayulu e il 23,84% di Emmanuel Shadary, candidato del Partito del popolo per la ricostruzione e la democrazia (Pprd) del presidente uscente Joseph Kabila. Il tasso di affluenza alle urne è stato pari al 47,56%.

I risultati, ancora provvisori, gettano le basi per il primo trasferimento democratico del potere nel Paese, ma rischiano di acuire ulteriormente lo scontro politico nel paese, sulla falsa riga di quanto accaduto nel 2006 e nel 2011, quando l’esito del voto fu contestato.

Altre letture correlate:

X