Niger: nel cuore del Sahel

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Alessandra Morelli, fotografata ad Agadez. Dal 1992 è delegata dell’Unhcr. In Niger gestisce cinque campi profughi. – Foto di Alberto Bernasconi

Da venticinque anni opera nelle zone di conflitto ad alto rischio, portando soccorso alle vittime di guerra e calamità. Si è salvata per miracolo in un attentato. Ma non ha mollato: da tre anni lavora nel cuore di
un Sahel in fiamme, assediato dai jihadisti, dove offre protezione a rifugiati o richiedenti asilo salvati dall’inferno libico.

Il reportage sull’ultimo numero di Africa.

Condividi

Altre letture correlate: