Incredibile: il Sudafrica pagherà il vaccino molto più dell’Europa

di Marco Trovato
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il Sudafrica, il paese più colpito dalla pandemia del continente africano, pagherà i suoi primi vaccini sviluppati da AstraZeneca quasi 2,5 volte in più rispetto ai paesi europei. “Il prezzo di 5,25 dollari (4,32 euro) è quello che ci è stato comunicato”, ha fatto sapere alla France Presse il ministero della Salute sudafricano, senza spiegare la differenza di prezzo. Gli 1,5 milioni di vaccini attesi in Sudafrica nelle prossime settimane, ottenuti attraverso negoziati bilaterali condotti dal governo con AstraZeneca-Oxford, sono prodotti in India dal Serum Institute of India (Sii). I paesi dell’Unione Europea pagheranno per i vaccini sviluppati dalla stessa casa farmaceutica solo 1,78 euro, secondo le informazioni divulgate a metà dicembre da un ministro belga su Twitter.

Dopo settimane di annunci rassicuranti, dopo tanti proclami da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e della comunità internazionale sulla necessità di garantire all’Africa un prezzo sostenibile per il vaccino, dopo le parole rassicuranti giunte dall’industria farmaceutica, arriva il momento della verità. Ed è una verità che fa male. I Paesi africani, con minore potere contrattuale rispetto alle potenze occidentali, saranno costretti a subire prezzi più svantaggiosi rispetto a nazioni più ricche. E se la notizia di oggi riguarda il Sudafrica – locomotiva economia del continente – non c’è nulla di aspettarsi di buono per il resto del continente…

https://www.africarivista.it/sudafrica-il-virus-dellingiustizia/179188/Il prezzo delle dosi è una questione globale molto delicata. L’Organizzazione mondiale della sanità ha recentemente invitato i governi a interrompere i negoziati bilaterali con le case farmaceutiche, perché il rischio di un aumento dei prezzi è molto concreto. La principale potenza industriale del continente africano sta “lottando” per finanziare una campagna di immunizzazione della popolazione, 59 milioni di abitanti e fa parte del sistema Covax dell’Oms per un accesso equo ai vaccini. AstraZenaca-Oxford, dal canto suo, si era impegnata a vendere le sue dosi a un prezzo di costo, circa 2,5 euro, “per poter fornire questo vaccino a una più ampia platea”, ha detto alla France Presse il presidente di AstraZeneca Francia.

Il presidente sudafricano, Cyril Ramaphosa, di recente, ha annunciato di aver ottenuto 20 milioni di vaccini per la prima metà del 2021 da diversi laboratori, senza specificare quali. Il governo sudafricano, tuttavia, è sotto accusa da diverse settimane soprattutto per aver ritardato il lancio di un piano vaccinale. L’Alleanza Democratica, il principale partito di opposizione, ha chiesto chiarimenti sulla questione vaccini e diversi gruppi di opposizione hanno minacciato di rivolgersi ai tribunali per fare chiarezza sulla situazione vaccinale nel paese.

Condividi

Altre letture correlate: