Mati Diop, una franco-senegalese al Festival di Cannes

di Enrico Casale
mati diop

Al Festival di Cannes (Francia) sono in concorso 21 film, tra questi, Atlantic, primo lungometraggio del franco-senegalese Mati Diop. La pellicola inizia in un sobborgo di Dakar, dove i lavoratori decidono di lasciare il Paese vicino all’oceano per cercare un futuro migliore. È un film che combina una dimensione documentaristica a una fantastica. Quest’ultima è rappresentata dai fantasmi dei giovani scomparsi in mare che tornano per invadere la città.

A Cannes, è la prima volta che un regista senegalese gareggia per la Palma d’oro. A 37 anni, Mati Diop è considerata la nuova generazione del cinema senegalese. La figlia del musicista Wasis Diop, e nipote del regista Djibril Diop Mambéty, ha esordito nel 2008 nel film di Claire Denis, 35 rhums. Nello stesso anno, debutta a Cannes con Mille soleils, un progetto di documentario su Touki Bouki. I suoi cortometraggi sono stati presentati in vari festival internazionali, tra cui Atlantiques, che ha vinto il Tiger come miglior cortometraggio nel 2010 al Rotterdam Film Festival.

Ha trascorso cinque anni a modificare il suo primo lungometraggio girato in wolof con una squadra franco-senegalese. A questa prima opera, ha dichiarato la regista, ne seguiranno altre, probabilmente a  Dakar.

Altre letture correlate:

X