Libia, Unhcr: «Rifugiati inviati in Italia»

di Enrico Casale
ong italiane in libia
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

A causa dei violenti scontri e del deteriorarsi delle condizioni di sicurezza a Tripoli, 149 persone tra rifugiati e richiedenti asilo vulnerabili sono state evacuate e trasferiti in Italia. Lo fa sapere l’Unhcr, precisando che tra gli evacuati, provenienti da Eritrea, Somalia, Sudan ed Etiopia, ci sono 65 minori; 13 bambini hanno meno di un anno, e uno di loro ha appena due mesi.

L’evacuazione – aggiunge l’Unhcr – è stata portata a termine in collaborazione con le autorità italiane e libiche. L’Agenzia lancia un appello a tutti gli Stati affinché aumentino la disponibilità a prestare «ulteriori opportunità di evacuazione e corridoi umanitari per portare al sicuro i rifugiati detenuti in Libia, in quanto il loro numero aumenta molto più rapidamente di quello di coloro che vengono evacuati».

Quasi 1000 rifugiati e migranti sono stati evacuati o reinsediati nel 2019, mentre nel solo mese di maggio più di 1200 persone sono state riportate indietro dalla Guardia Costiera libica dopo essere state soccorse in mare.

Condividi

Altre letture correlate: