Finanziamento economie africane, le conclusioni del vertice di Parigi

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Il vertice di Parigi sul finanziamento delle economie africane ha confermato, ieri, l’emissione di diritti speciali di prelievo (Dsp) per un importo di 33 miliardi di dollari per l’Africa, di cui 24 miliardi per l’Africa subsahariana. In molti hanno ritenuto che fosse troppo poco e diversi Paesi, tra cui la Francia, si sono impegnati a riallocare i propri diritti speciali di prelievo.

A volte abusivamente considerato come la moneta del Fondo monetario internazionale – scrive Radio France Internationale, che ha seguito da vicino il vertice –  il Dsp è “una sorta di assegno convertibile” in dollari, distribuito in proporzione al peso specifico dei Paesi e al loro contributo alle risorse. Queste assegnazioni sono eccezionali e possono essere concesse in prestito a tasso zero tramite l’Fmi. Quest’ultimo vi ha fatto ricorso quattro volte nella sua storia. L’ultima volta, all’indomani della crisi finanziaria del 2008.

Nelle prossime settimane verranno quindi avviati i lavori tecnici, che dovrebbero sfociare in un accordo politico tra giugno e ottobre.

Secondo Riccardo Moro, docente di Politiche dello sviluppo presso l’Università degli studi di Milano ed esperto internazionale di questioni dello sviluppo, intervistato ieri da Africa Rivista / InfoAfrica, “il G20 si è detto favorevole all’emissione dei diritti fino a 650 miliardi di dollari (…) ma la società civile ritiene quella cifra insufficiente per rispondere ai bisogni dei Paesi più indebitati”.  La proposta, ha detto, era di emettere almeno 3.000 miliardi di dollari. Così si creerebbe una massa di liquidità importante per rilanciare le singole economie.

Nella dichiarazione finale, i partecipanti al mini vertice di Parigi hanno detto di fare affidamento sul sistema finanziario internazionale per creare lo spazio budget necessario per le economie africane. “Chiediamo una decisione rapida su un’assegnazione generale di Dsp per un importo senza precedente, che dovrebbe raggiungere 650 miliardi di dollari, di cui quasi 33 miliardi destinato ad aumentare le attività di riserva dei paesi africani e ad implementarlo appena possibile, e chiediamo ai paesi di utilizzare queste nuove risorse in modo trasparente ed efficiente. Siamo determinati ad amplificare impatto significativo in Africa studiando il prestito di Dsp su base volontaria”, si legge.

Questo sforzo multilaterale lavorerà a stretto contatto con l’azione della rete di Banche pubbliche di sviluppo africane, che coinvolgono la Banca africana per lo sviluppo (Afdb) e istituzioni finanziarie pubbliche nazionali e regionali.

“Per alleviare le economie africane che soffrono di vulnerabilità legate alla loro debito pubblico estero, i creditori del G20 e del Club di Parigi agiscono come concordato nel comunicato stampa dei ministri delle Finanze e dei governatori delle banche Centrali del G20 ad aprile e il quadro comune per i trattamenti del debito oltre la Debt Service Suspension Initiative (Issd) adottata nel novembre 2020”, hanno approvato i firmatari.

Per promuovere la crescita e la creazione di posti di lavoro, i partecipanti hanno espresso sostegno alle  strategie nazionali africane accogliendo con favore l’ambizione di sviluppare un’alleanza per l’imprenditorialità in Africa, che avrà un’ampia portata pan-africana e garantirà un posto preponderante per le aziende. Questa alleanza renderà possibile mobilitare tutti partner che desiderano mettere risorse finanziarie e tecniche al servizio di sviluppo del settore privato in Africa. Pieno appoggio all’iniziativa del G20 sul sostegno industrializzazione in Africa e nei Paesi meno sviluppati, del partenariato del G20 con l’Africa,  Compact with Africa. È incoraggiato lo sviluppo di partnership tra aziende africane e non africane.

Hanno partecipato al summit del 18 maggio: Sudafrica, Algeria, Germania, Angola, Arabia Saudita, Belgio, Benin, Burkina Faso, Camerun, Canada, Cina, Comore, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Costa d’Avorio, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Spagna, Stati Uniti, Etiopia, Francia, Ghana, Italia, Giappone, Kenya, Mali, Marocco, Mauritius, Mauritania, Mozambico, Niger, Nigeria, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Rwanda, Senegal, Sudan, Tanzania, Ciad, Togo, Tunisia, Zambia.Oltre all’attuale Presidente dell’Unione Africana, Presidente della Commissione di l’Unione Africana, il Presidente del Consiglio Europeo e il Presidente della Commissione europea.

(Céline Camoin)

Condividi

Altre letture correlate: