Congo – Onu: “Pigmei discriminati sistematicamente”

di Marco Simoncelli

Nonostante una legge “esemplare” approvata nel 2011, poco è cambiato per le popolazioni indigene del Congo-Brazzaville, soggette a “discriminazioni profonde, sistemiche e profondamente radicate”. L’accusa è stata rilasciata giovedì da parte della relatrice speciale delle Nazioni Unite sui diritti delle popolazioni indigene, Victoria Tauli-Corpuz.

La ricercatrice, dopo una missione di dieci giorni, evidenzia ancora una volta l’emarginazione e spesso il repressione delle popolazioni semi nomadi delle foreste del bacino del Congo, comunemente chiamate Pigmei, sebbene l’uso di questo nome peggiorativo sia ufficialmente proibito nella Repubblica del Congo, come riporta Le Monde.

Questo esperto indipendente, il cui mandato è iniziato nel 2014, stava effettuando la sua prima visita nel Paese, nove anni dopo il suo predecessore, il cui lavoro aveva già riscontrato gravi ingiustizie in materia di salute, educazione e riconoscimento dei diritti sulle terre e le risorse naturali essenziali per la sopravvivenza di queste popolazioni.

Da allora è stato adottato un solido quadro giuridico per consentire a queste persone di far valere i propri diritti. Dopo la legge del 2011 – la prima in Africa dedicata alle popolazioni indigene – nel 2015 è stato introdotto un articolo nella Costituzione congolese per mettere in atto questo riconoscimento. Ma si è dovuto attendere fino allo scorso luglio affinché venissero adottati sei decreti di attuazione su nove. In altre parole, questa promessa di protezione è rimasta finora sulla carta.

“Sono profondamente preoccupato per la generale mancanza di attuazione di questa legge. […] I popoli indigeni non dovrebbero essere visti come oneri o ostacoli allo sviluppo e come popoli arretrati e primitivi. Dovrebbero essere considerati come esseri umani che hanno la dignità e gli stessi diritti di tutte le altre persone “, ha affermato Tauli-Corpuz

A Brazzaville, a 800 km dalla capitale, nella fitta foresta del dipartimento del Sangha, dove vivono molti Baka, il gruppo pigmeo più numeroso, le testimonianze raccolte dal relatore speciale confermano i problemi dello sfratto su larga scala. Le terre che le popolazioni indigene usano e occupano vengono consegnate sotto forma di concessioni a compagnie forestali o adibite a riserve, parchi nazionali o aree di conservazione. L’espansione delle comunità Bantu nei loro territori tradizionali li ha inoltre costretti ad abbandonare le loro terre e stabilirsi ai margini dei villaggi Bantu o ad andare più in profondità nella foresta, che in buona parte è stata affidata come concessione a compagnie forestali, Secondo quanto si legge nel rapporto finale della ricercatrice dell’Onu.

I conflitti tra Baka e le ONG internazionali come il WWF o la Wildlife Conservation Society (WCS) che amministrano molte aree protette nel bacino del Congo, sono stati documentati da numerosi sondaggi condotti da l’organizzazione per i diritti umani Survival International, che la settimana scorsa ha lanciato nuove accuse compromettenti.

Il rapporto Onu denuncia inoltre il grave dato delle malattie (malaria, lebbra, tubercolosi) che colpiscono queste comunità stigmatizzate e deplora la mancanza di sforzi per fornire ai bambini pigmei un’istruzione adeguata.

Infine la maggior parte di questi cacciatori-raccoglitori risiede nei dipartimenti settentrionali di Likouala e Sangha ma non ha alcuna rappresentanza politica. “Anche nel dipartimento di Likouala, che ha la più alta concentrazione di popolazione indigena, nessuno di loro è mai stato eletto all’Assemblea nazionale”, ha concluso sorpreso il relatore delle Nazioni Unite.

Non ci sono dati recenti per dire quanti pigmei vivono in Congo. L’ultimo censimento nazionale, condotto nel 2007, ha stimato la loro quota all’1,2% della popolazione, ovvero 43.378 persone. Uno studio delle Nazioni Unite del 2013 si riferiva a una cifra del 2%, circa 100.000 individui. Il governo sostiene un range molto più ampio che va dall’1,4 al 10% della popolazione congolese.

Altre letture correlate:

X