Burkina Faso, attentato a chiesa riformata: almeno cinque vittime

di Enrico Casale
no alla violenza

Almeno cinque persone, tra cui un pastore, sono morte a causa di un attacco a una chiesa protestante in Burkina Faso. Le forze di sicurezza hanno spiegato che l’attacco è avvenuto domenica a Silgadji, a 60 chilometri da Djibo, la capitale della provincia di Soum, nel Nord del Paese.

«Persone armate non identificate hanno attaccato la chiesa protestante di Silgadji, uccidendo quattro fedeli e il pastore. Mancano almeno altre due persone», ha detto lunedì una fonte della sicurezza all’Afp.

Questo è il primo attacco a una chiesa dal 2015, la data delle prime aggressioni jihadiste a luoghi sacri cristiani e musulmani. «L’attacco è avvenuto verso le 13, proprio mentre i fedeli stavano lasciando la chiesa alla fine del servizio religioso – ha detto un membro della chiesa –. Gli aggressori erano in motocicletta. Hanno sparato colpi in aria prima di colpire i fedeli».

Negli ultimi quattro anni, il Burkina Faso ha fatto i conti con attacchi sempre più frequenti e mortali, attribuiti a gruppi jihadisti tra cui l’Ansarul Islam, il Gruppo di sostegno all’Islam e ai musulmani (Gsim) e lo Stato islamico del Grande Sahara (Sigs).

Inizialmente concentrati nel Nord del Paese, gli attacchi hanno preso di mira la capitale e altre regioni, in particolare l’Est, e hanno ucciso circa 350 persone dal 2015. Venerdì, sei persone, tra cui cinque insegnanti, sono state uccise a Maïtaougou, una località nella regione orientale della provincia di Koulpélogo.

Gli attacchi puntano regolarmente ai leader religiosi, principalmente nel Nord del Paese. A metà marzo, padre Joël Yougbaré, sacerdote di Djibo, nel Nord del Burkina, è stato rapito da individui armati. Il suo corpo è stato trovato vicino a Djibo, secondo gli abitanti della città, anche se la Chiesa cattolica non ha confermato l’informazione.

Il 15 febbraio, padre César Fernández, un missionario salesiano di origine spagnola, è stato ucciso in un attacco armato attribuito ai jihadisti a Nohao, nel Burkina Faso centro-orientale.

Nel maggio 2018, il catechista Mathieu Sawadogo e sua moglie sono stati rapiti ad Arbinda e rilasciati il ​​14 settembre. Prima di loro, anche Pierre Boena, parroco della chiesa protestante di Beléhouro, era stato rapito e rilasciato nel giugno 2018.

Anche diversi imam sono stati assassinati nel Nord. Secondo fonti di sicurezza, sono stati «considerati non abbastanza radicali» dai jihadisti o «accusati di collaborare con le autorità».

Altre letture correlate:

X