Benin: figli di legno

di Valentina Milani

Foto di Bruno Zanzottera

Una donna tiene in braccio i propri gemelli di legno.

In Benin, quando un gemello muore, viene intagliata una statua in legno, hohovi, che lo rappresenta. Le statuette ospitano lo spirito del defunto e vengono trattate dalle famiglie come dei veri e propri bambini.

I gemelli, come ogni fenomeno eccezionale, suscitano in Africa sentimenti contrastanti. Certe popolazioni vedono in tali nascite un presagio nefasto; altrove – come in Benin, dove la frequenza di parti gemellari è la più alta al mondo –, il timore, che è comunque sempre presente, si traduce in venerazione.

Per leggere questa sorprendente storia abbonati ad Africa: www.africarivista.it/abbonati

Altre letture correlate:

X