Zuma, svolta a sinistra: «Esproprieremo le terre ai bianchi»

di Enrico Casale
agricoltura in sudafrica
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

In Sudafrica si torna a parlare di riforma agraria. La settimana scorsa, nel corso di un incontro con i leader tradizionali, il Presidente Jacob Zuma ha annunciato che verranno elaborate nuove misure per espropriare le grandi tenute degli agricoltori bianchi. A questi ultimi non verrà riconosciuto alcun risarcimento.

Contadina sudafricana

Contadina sudafricana

Quella delle terre è una diatriba annosa, che si trascina dalla fine dell’apartheid. Il regime segregazionista aveva infatti assegnato le migliori terre sudafricane agli agricoltori bianchi. La maggioranza dei contadini neri era stata relegata a fasce marginali di terra, poco produttive. Con la fine del predominio bianco, i nuovi leader dell’African National Congress avevano a più riprese promesso una ridistribuzione delle terre.

Per evitare gli errori commessi dal vicino Zimbabwe (dove una disastrosa riforma agraria ha tolto le terre ai bianchi assegnandole ad agricoltori neri ma di fatto facendo tracollare l’economia), in Sudafrica è stata varata una politica che favorisce l’acquisizione di terre da parte dei neri quando i bianchi decidono di venderle. Secondo Zuma questa politica non ha ottenuto i risultati sperati a causa del numero limitato di terre messe in vendita e dei prezzi troppo elevati. Così Zuma è tornato all’attacco e ha annunciato una verifica catastale dei terreni e un emendamento costituzionale per consentire l’esproprio senza alcun compenso.

White farmer

White farmer

La svolta ha sorpreso l’opinione pubblica, ma anche la classe dirigente. Non tutti all’interno dell’Anc sono d’accordo con questa svolta. Anzi alcuni deputati del partito si sono già detti contrari a un esproprio senza indennizzi. Secondo alcuni osservatori, la mossa di Zuma andrebbe letta in termini di propaganda elettorale. Il presidente, travolto dagli scandali, ha visto crollare i suoi consensi. Non solo, ma sta assistendo alla crescita continua degli Economic Freedom Fighters di Jules Malema. Quest’ultimo, controverso leader populista, sta guadagnando favori con annunci roboanti tra i quali quelli dell’esproprio delle terre dei bianchi. Da qui la svolta di Zuma. Ma il presidente darà seguito agli annunci?

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X