Uganda, Wine: «Il nostro è un voto di protesta»

di Enrico Casale
Bobi-Wine
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

«La mia candidatura è un segno di protesta. Ho invitato la gente a manifestare in modo massiccio e a esprimere il suo voto contro l’establishment». Così Bobi Wine (il cui vero nome è Robert Kyagulanyi), candidato alle elezioni presidenziali che si terranno in Uganda il 14 gennaio, ha spiegato in un’intervista al sito www.africanews.com, il senso della sua candidatura.

«La gente è ansiosa di partecipare alle elezioni nonostante il clima di repressione in aumento – ha aggiunto -. Oltre 120 membri della mia squadra elettorale sono detenuti da più di due settimane. A novembre 54 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza dopo due giorni di proteste contro il mio arresto».

Alla fine di dicembre, Museveni ha nominato tre generali dell’esercito a capo della sicurezza a Kampala, una mossa criticata dall’opposizione perché intesa a intimidire le persone prima del giorno del voto.

«Le libertà civili sono una realtà inesistente in Uganda – ha proseguito il candidato -. Il nostro Paese è una dittatura militare che si presenta come una democrazia».

A dicembre, la commissione elettorale ha vietato la campagna elettorale a Kampala e in altri 12 centri urbani, giustificando il provvedimento con la necessità di frenare la pandemia di Covid-19. Wine ha affermato di essere il vero obiettivo del divieto e ha accusato l’autorità elettorale di essersi apertamente schierata con il partito al governo e di applicare le regole in modo selettivo.

«Ho notato che la violenza armata ha ucciso molte più persone che il Covid-19 – ha sottolineato Wine che, prima di candidarsi era un cantante -. Anche se Museveni ha ammesso che 54 persone sono state uccise, il nostro ufficio per i diritti umani ha ricevuto più di 100 segnalazioni di omicidi, per non parlare delle centinaia di feriti e delle migliaia di detenuti senza un’accusa credibile».

Venerdì scorso Bobi Wine ha annullato un comizio a Kalangala, un distretto nell’Uganda centrale, dicendo che c’era un complotto contro di lui e i suoi sostenitori. La scorsa settimana, Wine ha poi portato i suoi quattro figli negli Stati Uniti nel timore che possano subire ritorsioni.

Il governo ha però negato di voler colpire la famiglia del deputato. «Non è successo niente alle famiglie di coloro che si sono presentati alle elezioni passate. Questa non è mai stata la politica del Nrm (partito al governo)», ha affermato Adolf Mwesige, ministro della Difesa dell’Uganda.

A dicembre, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha invitato le autorità ugandesi a tenere elezioni libere ed eque.

«Vogliamo che questa sia una protesta. Il generale Museveni ha ucciso persone che protestavano. Adesso protesteremo votando», ha rimarcato Wine.

Condividi

Altre letture correlate: