Uganda: legge contro i sacrifici umani approvata dal parlamento

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Il parlamento dell’Uganda ha approvato una legge che criminalizza i sacrifici umani, secondo quanto riportato da Bbc. Fino ad ora, le leggi del Paese non prevedevano il reato specifico di sacrificio umano che veniva perseguito come omicidio o altri reati.

La legislazione – il Prevention and Prohibition of Human Sacrifices Bill 2020 – propone la pena di morte per qualsiasi persona condannata per aver commesso sacrifici umani o per aver finanziato la pratica. Criminalizza anche il possesso di parti umane, il loro uso in medicina per la vendita o l’uso personale: reati questi che vengono puniti con l’ergastolo. La condanna vita è invece anche prevista per qualsiasi persona che diffonde la credenza nel sacrificio umano per guadagno finanziario o che incoraggia chiunque ad usare un corpo umano in qualsiasi rituale.

Come riferisce Bbc, Irene Kagoya, direttrice associata di World Vision in Uganda, che è stata determinante nel far approvare la legge dal parlamento, ha detto che la pratica è “molto comune” e “profondamente radicata” nella società, anche se ha notato che le statistiche sono difficili da ottenere a causa della natura del reato. Kagoya ha detto al programma Newsday della Bbc che la legge era necessaria per poter affrontare tutte le parti coinvolte nel crimine, compresi i finanziatori e i parenti. “Che si tratti di genitori, parenti, anche coloro che vengono adescati per dare via i loro figli in cambio di denaro, tutti questi saranno consegnati alla giustizia”, ha affermato.

Come precisa Bbc, la legge diventerà tale una volta che il presidente l’avrà approvata.

Condividi

Altre letture correlate: