RD Congo: istituita la legge marziale in Nord Kivu e Ituri

di Valentina Milani
militari congolesi
Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Il presidente congolese Félix Tshisekedi ha dichiarato nella notte la Legge Marziale, état de siège, in lingua francese, nelle province orientali congolesi del Nord Kivu e dell’Ituri.

Lo riferiscono stamani tutti i principali media congolesi, precisando che la dichiarazione dello stato d’assedio (paragonabile alla nostra legge marziale) è stata diffusa nella notte per entrare in vigore il 6 maggio e restare valida per un periodo di 30 giorni. Il provvedimento prevede che il presidente nomini governatori e vice governatori militari e di polizia per sostituire le autorità civili che gestiscono queste province.

Leggendo le ordinanze ieri notte sulla televisione pubblica, il portavoce del capo dello Stato, Kasongo Mwema ha precisato: “Per far fronte alla situazione durante lo stato d’assedio, le autorità civili dei governi provinciali dell’Ituri e del Nord Kivu, quelle delle entità decentralizzate e deconcentrate di dette province saranno sostituite da ufficiali delle forze armate della Repubblica Democratica del Congo e / o la polizia nazionale congolese (Pnc) designata a questo scopo ”, osserva l’ordine. L’azione dei tribunali civili sarà sostituita da quella dei tribunali militari, informa il documento.

Durante questo periodo, si legge nella misura, in nessun caso saranno derogati i seguenti diritti e principi fondamentali: il diritto alla vita; il divieto di tortura e trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti; il divieto di schiavitù e servitù; il principio di legalità dei reati e delle pene; il diritto di difesa e il diritto di ricorso; il divieto della reclusione per debiti;la libertà di pensiero, coscienza e religione.

Secondo la stessa ordinanza, le immunità e altri privilegi non si applicano durante lo stato d’assedio nelle province del Nord Kivu e dell’Ituri.Nello stesso periodo saranno sospese anche le assemblee provinciali e le amministrazioni provinciali. Tuttavia, i membri dei governi provinciali sospesi e delle assemblee provinciali continueranno a godere dei loro benefici.

L’obiettivo è porre fine rapidamente all’insicurezza che uccide quotidianamente i nostri concittadini in questa parte del paese”, ha detto venerdì scorso il portavoce del governo Patrick Muyaya, che aveva preannunciato la misura.

Il presidente Tshisekedi ha preso la decisione invocando l’articolo 85 della Costituzione a seguito della situazione di insicurezza che regna in queste due province, in particolare le uccisioni di massa che colpiscono la popolazione civile da diversi anni.

Il 26 aprile, il primo ministro Jean-Michel Sama Lukonde, durante l’inaugurazione del suo nuovo governo davanti ai deputati, ha presentato i suoi piani per stabilizzare questa parte del Paese afflitta da violenze commesse per decenni da gruppi armati locali e stranieri.Il capo del governo congolese aveva già accennato alla proclamazione dello stato di emergenza, con la sostituzione dell’amministrazione civile con un’amministrazione militare.

Dall’inizio di aprile, diverse manifestazioni hanno scosso le città di Beni e Butembo, nella provincia del Nord Kivu, dove la popolazione si è sollevata contro i ribelli ugandesi delle Forze Democratiche Alleate (Adf) che seminano il terrore in questa regione. Circa 200 persone sono state uccise e altre 40.000 sono state sfollate dalle Adf nella regione quest’anno, ha avvertito l’Onu venerdì 19 marzo.

Le Adf hanno contemporaneamente attaccato per diversi mesi la vicina provincia dell’Ituri dove centinaia di civili sono già stati uccisi, mentre diversi altri sono stati costretti a fuggire per paura di essere uccisi.

Secondo il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef), si stima che più di 1,6 milioni di persone siano state sfollate nella provincia di Ituri su una popolazione totale di 5,7 milioni e che 2,8 milioni avrebbero bisogno di assistenza di emergenza.

Il clima di generale insicurezza e di violenza che si registra in queste due regioni è costato la vita lo scorso 22 febbraio anche all’ex-ambasciatore italiano Luca Attanasio e al carabiniere Vittorio Iacovacci.

Condividi

Altre letture correlate: