Padre Kizito | Le più tranquille sono le bambine

di Pier Maria Mazzola
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Ieri mattina il nostro Jack Matika ha accompagnato una troupe della Kbc (Kenya Broadcasting Corporation, il canale nazionale) a fare riprese dei gruppi di bambini che vivono in centro città, perché essi stessi potessero raccontare come vivono questi tempi di “Corona”. Poi sono venuti a Kivuli ad intervistarmi. Ne è uscito un bel servizio di 4 minuti che è andato in onda ieri sera nei telegiornali delle 19 e delle 21. Ne ho approfittato per chiedere che il governo coordini e sostenga i pochi sforzi in atto per salvare questi bambini. Ho aggiunto che Koinonia è pronta a mettere a disposizione alcuni spazi che ci permetterebbero di ospitare qualche decina di bambini, ma non abbiamo le forze per agire da soli. Spero che qualcuno reagisca positivamente.

Al pomeriggio ho visitato la Casa di Anita e Tone la Maji. Le più tranquille e felici sono le bambine, che in strada erano in una perenne situazione di pericolo, e quindi di tensione e paura, ed ora si sentono protette, nutrite, amate. È stato difficile parlare con loro tenendole ad almeno 5 metri di distanza, come la team leader Freshia ha insegnato loro.

Al rientro ho saputo della notizia della prima morte da Covid-19 in Kenya. Un keniano di 66 anni rientrato il 13 marzo da un viaggio in Sudafrica.

Ieri pomeriggio sul bollettino del Coordinamento delle ong italiane in Kenya (che è in inglese perché molti dipendenti sono keniani), c’era questa nota:

«Since yesterday, many Italian NGOs in Kenya received calls from relatives and friends alarmed by an article published by the newspaper La Repubblica. The article referred to alleged violence against the “white man” [sic!]. We would like to point out the polite but strong denial of Father Kizito Sesana, inviting you to forward it to those worried or concerned. We take also the opportunity to alert the OSCs in demanding maximum sobriety from journalists who may contact you».*

Per quanto riguarda lo Zambia vi invito a leggere un bell’articolo pubblicato su Nigrizia da Diego Mwanza Cassinelli, un amico italiano che da qualche anno ha scelto di vivere con la famiglia a Bauleni, lo slum più marginalizzato di Lusaka (Zambia), dove sono stato “parroco” dal 1980 al 1985.

* «Da ieri, molte ong italiane in Kenya hanno ricevuto chiamate da parenti e amici allarmati da un articolo pubblicato dal quotidiano La Repubblica. L’articolo faceva riferimento a presunte violenze contro l'”uomo bianco” [sic!]. Vorremmo sottolineare la cortese ma forte smentita di padre Kizito Sesana, invitandoti a inoltrarla a chi è preoccupato o interessato. Cogliamo anche l’occasione per sollecitare le organizzazioni della società civile a richiedere la massima sobrietà ai giornalisti che vi contattassero».


Padre Renato Kizito Sesana è un missionario che vive tra Nairobi (Kenya) e Lusaka (Zambia), città dove ha avviato case di accoglienza per bambini e bambine di strada (si chiamano Kivuli, Tone la Maji, Mthunzi…) e molte altre iniziative principalmente rivolte ai giovani, rendendoli protagonisti (come la comunità Koinonia). È cofondatore della onlus Amani, che dall’Italia sostiene la sua opera. Da giornalista, ha sempre avuto una viva attenzione alla comunicazione, dapprima come direttore di Nigrizia, quindi fondando a Nairobi la rivista New People e rendendosi presente sui mezzi di comunicazione keniani e internazionali.

Altre letture correlate:

X