Milano – La Francia e il genocidio dei Tutsi

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Ibuka Italia invita a un incontro con Guillaume Ancel, autore del libro “Rwanda, la fin du silence. Testimonianza di un ufficiale francese”, sabato 16 febbraio alle ore 16 presso la Casa della Memoria di Milano (Via Federico Confalonieri, 14)

Guillaume è un militare francese che era stato mandato in Ruanda in 1994 durante il genocidio dei tutsi in Ruanda, in un operazione che era stata chiamata “Opération turquoise”. L’evento sarà l’occasione per raccontare la loro vera missione in Ruanda”

L’associazione Ibuka – Memoria e Giustizia Italia è stata fondata da un gruppo di ruandesi che vivono in Italia per diffondere la memoria del genocidio attraverso incontri e conferenze, ma anche mostre e pubblicazioni, oltre a sostenere i sopravvissuti che vivono nel nostro Paese offrendo loro aiuto psicologico.

«Nella nostra lingua, ibuka significa “ricorda”», spiega Jean-Pierre Kagabo, presidente della neonata organizzazione. Che ammonisce: «Molti dei carnefici sono fuggiti in tutto il mondo, dobbiamo fare tutto il possibile per portare di fronte alla giustizia chi ha commesso quelle atrocità». Ibuka Italia fa parte di una rete di analoghe associazioni europee

Altre letture correlate:

X