Le foto di Hassan Hajjaj in mostra a Parigi

di Matteo Merletto
Hassan Hajja

La parigina Maison Européenne de la Photographie si trasforma da settembre in una sorta di Casa Marocchina della Fotografia. Questo, grazie a Hassan Hajjaj, artista afropean, nato a Larache e cresciuto a Londra, cantore di una modernità transnazionale, pop e graffiante, inquadrata apparentemente sempre nello sfondo geometrico della fotografia da studio.

La personale a lui dedicata, Carte Blanche, è articolata in quattro spazi tematici: il primo evidenzia l’interesse dell’artista per la moda (e infatti è intitolato Vogue: the Arab issue); il secondo ospita le serie Legs, Gnawi Riders e Kesh Angels, che ruotano sempre intorno al tema dell’abito e dell’identità soggiacente ma in una prospettiva più antropologica che fashion; il terzo, My Rockstars, omaggia e utilizza come modelli una serie di personaggi legati alla scena musicale marocchina e londinese; nell’ultimo spazio troviamo infine una serie di scatti inediti in bianco e nero, che a prima vista si fatica a riconoscere come opere di Hajjaj ma che in realtà rivelano in vari dettagli la loro appartenenza.

Dall’11 settembre al 17 novembre. mep-fr.org

Altre letture correlate:

X