La storia (incredibile) del primo ambasciatore del Congo in Vaticano

di claudia
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Un oceano, due mari, tre continenti (66thand2nd, 2020, pp. 224, € 16,00) di Wilfried N’Sondé (nella foto in copertina) racconta la storia del primo ambasciatore del Congo in Vaticano, Nsaku Ne Vunda, il quale giunse a Roma nel 1608 dopo un viaggio estenuante durato 15 anni. La sua presenza era stata richiesta dal Papa per sottrarre quel territorio immenso e strategico a un controllo solo iberico. Alvaro II, re del Congo, affidò al suo emissario anche una missione segreta: rivelare al Santo Padre l’esistenza della tratta degli schiavi e la presenza, tra loro, di cattolici. L’ambasciatore fu imbarcato su una nave carica di schiavi che toccò il Brasile prima di raggiungere l’Europa. Nel corso del viaggio, segnato da peripezie incredibili, quest’uomo limpido e a tratti ingenuo comincia a decodificare l’architettura di interessi, ipocrisie, incoerenze su cui si reggono le strutture di potere che irretiscono gli esseri umani.

(Stefania Ragusa)

Condividi

Altre letture correlate: