Il cantante reggae contro Condé

di Enrico Casale
Tiken Jah Fakoly

La star del reggae ivoriana Tiken Jah Fakoly ha accusato l’ottantunenne presidente della Guinea, Alpha Condé, di essersi aggrappato al potere, e si è dichiarato preoccupato per l’uccisione di almeno nove persone che la scorsa settimana manifestavano contro una revisione costituzionale che estende il potere presidenziale consentendo la candidatura di Condé per un terzo mandato nel 2020.

Il musicista aveva cantato a sostegno dell’attuale presidente della Guinea quando era un politico dell’opposizione incarcerato, ma ora lo condanna in un’intervista a Bbc Afrique. Tiken Jah Fakoly ha detto di non essersi pentito di averlo fatto, ma non pensava che la persona un tempo difesa si sarebbe comportata in questo modo.

«Pensavo che avrebbe fatto come Nelson Mandela, che è stato in prigione per anni e quando è uscito ha fatto un mandato e poi se n’è andato», ha aggiunto il cantante. Un portavoce del partito di Condé ha dichiarato di essere rimasto scioccato dai commenti di Tiken Jah Fakoly, che ha denigrato Condé.

Altre letture correlate:

X