I presidenti monarchi africani

di Valentina Milani
Ali_Bongo_Ondimba
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il tema dei presidenti africani eterni che rimangono alla guida del proprio Paese per decenni, violando ripetutamente la Costituzione, è stato spesso trattato. Il nostro collega Raffaele Masto li chiamava “Presidenti dinosauro”. Ma vi è un altro fenomeno, ampiamente diffuso nelle file del potere africano, che merita di essere considerato: il passaggio del potere di padre in figlio, quasi si trattasse di monarchie.

Si tratta di dinastie politiche caratterizzate dall’ascesa al potere di presidenti dopo i loro padri o per successione diretta oppure anni dopo.

Uno dei casi più noti è quello del Gabon che è attualmente guidato da Ali Bongo Ondimba, presidente del Paese dal 2009, anno in cui morì suo padre, Omar Bongo che fu presidente dal 1967 al momento della sua morte. Durante la presidenza del padre, Ali è stato ministro degli Affari Esteri e ministro della Difesa. Dopo la morte del padre dopo 41 anni al potere, è stato eletto per la prima volta alle elezioni presidenziali del 2009 per poi essere rieletto nel 2016, in elezioni segnate da numerose irregolarità, arresti, violazioni dei diritti umani e violenze post-elettorali.

Faure Essozimna Gnassingbé Eyadéma è invece il presidente del Togo dal 2005. Il suo predecessore? Il padre Gnassingbé Eyadéma che ha governato il piccolo Paese dell’Africa Occidentale dal 1967 al 2005, anno della sua morte. Durante la sua presidenza ha nominato il figlio (attuale presidente) ministro delle Infrastrutture e delle Telecomunicazioni. I dubbi sulla legittimità costituzionale della successione hanno portato a pesanti pressioni su Gnassingbé che però è riuscito a vincere una controversa elezione presidenziale il 24 April 2005.

Il primo presidente del Kenya è stato Jomo Kenyatta che ha governato dal 1964 al 1978, anno della sua morte. Oggi è al potere suo figlio Uhuru Muigai Kenyatta che detiene la carica dal marzo 2013. Il suo predecessore è stato Mwai Kibaki. Un caso, quello del Paese dell’Africa orientale, di successione non diretta.

Anche l’attuale presidente del Ghana vede tra i suoi predecessori il padre. Nana Addo Dankwa Akufo-Addo ricopre la carica dal gennaio 2017, suo padre, Edward Akufo-Addo, è stato presidente del Ghana nella Seconda Repubblica da 31 August 1970 fino alla sua deposizione con un colpo di stato su 13 gennaio 1972.

Tra gli ex presidenti è noto il caso di Joseph Kabila Kabange che ha guidato la Repubblica Democratica del Congo dal 2001 al 2019, dopo essersi rifiutato più volte di lasciare il potere. È entrato in carica dieci giorni dopo l’assassinio di suo padre, il presidente Laurent-Désiré Kabila.

Da segnalare anche l’ex presidente del Botswana Serêtsê Khama Ian Khama che è stato il quarto presidente della Repubblica del Botswana dal 2008 al 2018. Suo padre, Sir Seretse Goitsebeng Maphiri Khama, è stato il primo presidente del Botswana, che ha prestato servizio da 1966 fino alla sua morte in 1980.

Accanto a queste dinastie presidenziali, ricordiamo i Pasi nei quali vige dichiaratamente la monarchia, ossia: Marocco, Swaziland e Lesotho. (L’approfondimento a riguardo prossimamente nella sezione Focus di Africa!)

(Valentina Giulia Milani)

Altre letture correlate:

X