Goodluck Jonathan lancia forum ex leader

di Enrico Casale
Goodluck Jonathan
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

L’ex presidente della Nigeria, Goodluck Jonathan ha ottenuto il sostegno di altri ex presidenti e primi ministri dell’Africa occidentale per mitigare i conflitti legati alle elezioni per promuovere la pace nella regione. Lo ha annunciato Ann Iyonu, direttore esecutivo, Goodluck Jonathan Foundation (Gjf) in una conferenza stampa a Yenagoa. Iyonu ha detto che il gruppo dell’ex leader battezzato West African Elders Forum (Waef) è stato inaugurato da Jonathan in una riunione virtuale tenutasi giovedì.

Waef è un’iniziativa del Gjf volta a sfruttare la buona volontà, la competenza e le esperienze degli ex leader per promuovere elezioni pacifiche e approfondire la democrazia in Africa occidentale.

Il forum comprende tre ex leader della Nigeria, l’ex presidente Jonathan, il capo Olusegun Obasanjo e il generale in pensione Abdulsalam Abubakar. Dall’esterno della Nigeria ci sono Ellen Johnson-Sirleaf della Liberia, Ernest Bai Koroma della Sierra Leone e Pedro Pires di Capo Verde. Altri leader che hanno partecipato all’evento sono Aminata Toure del Senegal, Amos Sawyer della Liberia, Kadre Desire Ouedraogo del Burkina Faso, Thomas Yayi Boni della Repubblica del Benin e Dioncounda Traore del Mali.

Iyonu ha affermato che gli ex leader si sono impegnati a unire le forze con la Fondazione per approfondire la democrazia e lavorare in modo proattivo con altre istituzioni consolidate per garantire elezioni credibili e accettabili per evitare la violenza elettorale.

«Questo è un evento che avremmo voluto tenere con tutti in un’unica sede per consentire interazioni più solide, ma le considerazioni sulla sicurezza a causa della pandemia Covid19 ci hanno limitato a ospitare virtualmente questo incontro – ha detto Jonathan -. Il West African Elders Forum vuole promuovere la pace sostenendo processi che migliorano la democrazia sostenibile e il buon governo. La nostra visione è sfruttare l’esperienza e la saggezza degli eminenti leader della nostra regione per far avanzare il corso della stabilità politica e la ricerca del progresso economico e della prosperità nei nostri Paesi».

Jonathan ha ricordato che pochi anni fa, l’Africa occidentale era relativamente pacifica e si prevedeva che avrebbe contribuito immensamente alla crescita economica complessiva del continente che vedeva l’Africa come una delle economie emergenti globali. E ha espresso rammarico per il fatto che la pace e la stabilità siano state erose in Africa occidentale a causa di molte ragioni, tra cui la contestazione politica per il potere, la diffusione del terrorismo e gli effetti negativi del covid-19.

Tutti i partecipanti che si sono alternati a parlare in solidarietà si sono impegnati a collaborare con la Fondazione.

Condividi

Altre letture correlate: