Costa d’Avorio – Elezioni, primi risultati e accuse di brogli

di Enrico Casale
elezioni in costa d'avorio

In Costa d’Avorio, sono stati resi pubblici i primi risultati delle elezioni locali. Mentre nei comuni e nelle Regioni regna un clima pesante pieno di sospetti di frode o di manipolazione dei risultati. Il Pdci di Henri Konan Bedié non si fida dell’Rhdp del suo ex alleato Alassane Ouattara.

La vittoria del ministro Hamed Bakayoko, di Jean Marc Yace a Cocody e  il rinnovo di Nicolas Djibo erano alcuni dei risultati più attesi. Ma mentre la IEC registrava questi dati, la tensione aumentava. Il parossismo di questa tensione è stato raggiunto vicino a Séguela dove due sostenitori di un candidato indipendente sono stati uccisi in scontri.

Domenica sera al Plateau, il quartiere finanziario di Abidjan, una marcia di sostenitori del candidato Pdci Jacque Ehouo è stata organizzata per denunciare la manipolazione delle registrazioni dei voti per Fabrice Sawegnon candidato dell’Rhdp. Quest’ultimo ha smentito categoricamente queste accuse. Scene o denunce simili hanno avuto luogo a Port-Bouet, Grand-Bassam, Bondoukou in Diabo, in Tiébissou. Il segretario esecutivo del Pdci, Maurice Kakou Guikahue, ha denunciato «un furto palese» dei risultati ancora venire per la comunale e regionale. Sondaggi la cui condotta e conclusioni sono servite come una prova generale prima delle elezioni presidenziali del 2020.

Altre letture correlate:

X