Ciad | Cento militari uccisi da Boko Haram

di Enrico Casale
soldato ciadiano
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Durissimo attacco dei miliziani del gruppo terrorista Boko Haram in Ciad. Un centinaio di soldati ciadiani sono stati uccisi nel corso di un’imboscata vicino sull’isola di Mboma (o Boma, o Bouma),  nel Lago Ciad, nel dipartimento di Fouli, vicino al confine con la Nigeria. Lo ha fatto sapere il presidente del Ciad, Idriss Deby, secondo il quale il suo Paese non aveva mai perso così tanti soldati in un attacco armato di Boko Haram.

Secondo un soldato dell’esercito del Ciad, sentito da Afp, l’azione di guerriglia è durata circa sette ore, durante le quali i miliziani del gruppo terrorista sono riusciti anche a distruggere 24 veicoli da combattimento e a rubare diverse armi.

Decine di militari ciadiani sono stati uccisi da quando la rivolta di Boko Haram si è estesa dalla Nigeria ai Paesi confinanti. Nella regione un migliaio di persone hanno dovuto abbandonare la propria casa a causa dei combattimenti.

Boko Haram, dato più volte per sconfitto dalle autorità nigeriane, mantiene invece tutta la propria operatività. Martedì della scorsa settimana, il governo di Abuja ha ammesso che 47 soldati nigeriani sono stati uccisi in un’imboscata dai militanti di Boko Haram nella città di Maiduguri, nel Nord-Est. Gli insorti hanno attaccato un convoglio che aveva lasciato la città con una grande scorta di munizioni.

Altre letture correlate:

X