Camerun | Proteste anti Macron

di Enrico Casale
macron e biya
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Decine di giovani in Camerun hanno protestato davanti dall’ambasciata francese nella capitale, Yaoundé, per le dichiarazioni «offensive» fatte dal presidente francese Emmanuel Macron nei confronti del presidente Paul Biya. Nel video, diventato virale sui social, Macron racconta a un attivista camerunese a Parigi di aver fatto pressioni su Biya per liberare il leader dell’opposizione Maurice Kamto dal carcere.

Nel video, il presidente francese è stato anche sentito dire che ci sono state «violazioni intollerabili dei diritti umani» in Camerun – un’osservazione che è arrivata giorni dopo che 22 persone sono state uccise da uomini armati che indossavano uniformi militari nel villaggio di Ngarbuh nella regione Nord-Occidentale del Paese. «Chiamerò il presidente Biya la prossima settimana e eserciteremo la massima pressione affinché la situazione finisca», ha dichiarato Macron all’attivista.

Le osservazioni non sono state prese alla leggera dalle autorità di Yaoundé. «Siamo a nostro agio con il nostro presidente. È un uomo di pace – ha gridato un manifestante, citato dalla Bbc -. La Francia non ha lezioni da dare al Camerun e Macron deve scusarsi per aver insinuato che il nostro presidente.

L’attivista civile Yvone Mumah Biya ha dichiarato che le autorità sono state alla base della protesta. «Questa è manipolazione politica. Qualcuno da qualche parte pensa di non aver fatto bene il proprio lavoro e pensa di poter andare a mobilitare questi giovani», ha detto alla Bbc.

Altre letture correlate:

X